KL 2017: la prova del nove? I risultati preliminari delle nostre vendite

Ciao a tutti!

Quest’anno abbiamo interrotto la tradizione e non aspetteremo i risultati finali dell’audit ufficiale sulle nostre vendite; vi anticipiamo subito le cifre preliminari che riguardano l’anno che si è appena concluso.

Il dato più importante per il nostro business riguarda ovviamente i ricavi annuali che abbiamo ottenuto. Durante i 20 mesi del 2017 con i nostri prodotti, tecnologie e servizi abbiamo ottenuto un ricavo di 698 milioni di dollari (in accordo con l’International Financial Reporting Standards), 8% in più rispetto all’anno precedente.

Un risultato niente male, dobbiamo ammetterlo, che ci conferma che ci stiamo muovendo verso la giusta direzione e che stiamo crescendo. Inoltre, stiamo sviluppando tecnologie e soluzioni davvero promettenti che ci aiuteranno a crescere ancora di più nel futuro.

Tuttavia, il dato più interessante che, a mio parere, emerge dai risultati preliminari è il seguente: per la prima volta nella nostra storia, la vendita di soluzioni per aziende ha superato quella dei prodotti per utenti privati, con un aumento del 30% delle vendite nel segmento di prodotti corporate.

Altro dato che ci inorgoglisce: il buon tasso di crescita di questo settore non è dovuto alla vendita dei nostri tradizionali prodotti per endpoint, ma proviene in gran parte da soluzioni in espansione e proiettate verso il futuro come Anti-Targeted Attacks, Industrial Cybersecurity, Fraud Prevention e Hybrid Cloud Security. Un crescita totale di questi prodotti del 61% e si prevede una crescita del 41% nella vendita di servizi per la sicurezza informatica.

Dal punto di vista geografico, le vendite hanno superato gli obiettivi annuali nella maggior parte delle regioni; ad esempio, in Russia e nella Comunità degli Stati Indipendenti (CSI)  le vendite sono aumentate del 34% rispetto al 2016. Nei Paesi META (Medio Oriente, Turchia e Africa) le vendite sono schizzate a +31%, in America Latina +18% e in Asia Pacifica +11%. In Giappone abbiamo ottenuto una discreta crescita (+4%) mentre in Europa non abbiamo raggiunto appieno le nostre aspettative (-2%).

Come era da prevedere, l’unica regione che non ha dato i risultati sperati è stata quella dell’America del Nord, con una caduta delle vendite dell’8%. Non c’è da sorprendersi, dal momento che in questa regione siamo stati l’occhio del ciclone di tutta una serie di notizie che ci hanno coinvolto, da una campagna di disinformazione nei nostri confronti a una decisione incostituzionale da parte del Dipartimento di sicurezza interna statunitense. Tuttavia, nonostante la pressione politica, continuiamo a essere operativi sul mercato e abbiamo intenzione di ampliare il nostro business nella regione.

Voglio ringraziare tutti gli utenti, i partner, gli esperti di cybersicurezza e tutti coloro che ci hanno sostenuto (compresi la maggior parte di blogger e giornalisti); ovviamente, come non menzionare i lavoratori di Kaspersky Lab in tutto il mondo che continuano a svolgere un lavoro eccellente anche in tempi difficili come questi. Fedeltà dei nostri clienti, crescita incredibile del nostro business e un grande team: tutti indicatori del nostro successo a livello globale. Grazie a tutti!

Per maggiori informazioni sui risultati preliminari delle nostre vendite, cliccate qui.

KL vince il Gartner Platinum Award!

Ciao a tutti!

Come probabilmente avrete già notato, il flusso di notizie riguardanti la nostra piccola (ma tecnologicamente avanzata) compagnia IT è diventata una vera e propria cascata! Ma almeno nel fiume di notizie ce n’è qualcuna buona, non politicamente tendenziosa, che riguarda le nostre tecnologie e che si basa su delle fonti. Ecco, ora ve ne parlerò…

Nel mondo ci sono molte agenzie di ricerca grandi e rispettate, e Gartner è una di queste. È rinomata soprattutto per le valutazioni fornite dai suoi esperti e che riguardano software e attrezzature IT di svariati vendor, di come tali prodotti soddisfino le necessità degli utenti e risolvano loro alcuni problemi.

Qualche tempo fa Gartner ha deciso di aggiungere un’ulteriore dimensione alle sue già diverse sfaccettature, quella che riguarda l’opinione dei clienti. Ciò conferisce maggiore accuratezza e obiettività alle valutazioni, che sono così ancora più utili. Circa un anno fa Gartner ha annunciato un nuovo programma per la raccolta di opinioni degli utenti, chiamato Gartner Peer Insights, programma in cui gli utenti business potevano valutare in maniera volontaria e anonima i prodotti dei diversi sviluppatori (in questo modo avrebbero potuto dire proprio tutto quello di cui non erano contenti, senza alcun tipo di ripercussione). Tra i vari prodotti c’era la nostra soluzione “Endpoint Protection Platform”.

Gartner ha gestito molto seriamente questa nuova sezione. Grazie a Gartner Peer Insights si spera di “trasformare la compravendita dei software aziendali avvalendosi di informazioni affidabili, in particolare per il processo di acquisto. La piattaforma di opinioni di Gartner è disponibile per tutti gli acquirenti nel settore IT che vanno alla ricerca di consigli da parte di professionisti. Gartner Peer Insights comprende oltre 40 mila opinioni verificate, appartenenti a oltre 190 mercati. Per maggiori informazioni visitate il sito https://www.gartner.com/reviews“.

Ci è voluto un anno per raccogliere tutti i feedback e metterli sul sito; nel frattempo, l’intero settore (noi compresi naturalmente) aspettava impaziente i risultati. Per trovarsi sul gradino più alto del podio, il vendor doveva disporre di almeno un prodotto che gli analisti di ricerca considerassero importante per il mercato; inoltre, il vendor doveva vantare almeno 50 opinioni pubblicate durante il periodo indicato (12 mesi). Per essere sicuri che i premi rappresentassero davvero l’opinione generalizzata degli utenti di Peer Insights, le medaglie di oro, argento e bronzo erano soggette a tre criteri principali: 1) Fino al 75% dei prodotti indicati nelle opinioni poteva provenire da aree che non fossero il Nord America; 2) Fino al 75% delle opinioni poteva provenire da un solo settore e 3) Fino al 50% delle opinioni poteva provenire da aziende di non grandi dimensioni. Per “aziende di grandi dimensioni” si intendono le compagnie dai 50 milioni di dollari statunitensi in su. Se i vendor erano idonei per partecipare ma non soddisfacevano questi tre criteri, potevano comunque rientrare in una menzione d’onore.

Continua a leggere:KL vince il Gartner Platinum Award!

Più trasparenti dell’aria che respiriamo

Ciao a tutti!

Credo nella possibilità di trovare sempre, a volte anche con un po’ di sforzo, qualcosa di buono anche nelle situazioni più difficili.

La campagna negativa perpetrata di recente contro Kaspersky Lab dalla stampa statunitense non è stata affatto piacevole per noi ma ci siamo sforzati e abbiamo trovato comunque qualcosa di positivo in tutto ciò: ci ha consentito di elaborare alcune curiose osservazioni e deduzioni. Inoltre, ci ha permesso di dare una svolta verso alcune iniziative di business che tempo fa non avrebbero visto la luce; di una di queste ne parlerò proprio in questo post. Continua a leggere:Più trasparenti dell’aria che respiriamo

Orgogliosi di continuare a proteggere gli utenti, nonostante le false accuse dei media statunitensi

Ciao a tutti!

Dubito vi siate persi le ultime, implacabili notizie su Kaspersky Lab. La notizia più recente è che degli hacker russi (e la mano nascosta del Cremlino) avrebbero utilizzato in qualche modo i nostri prodotti per spiare gli utenti americani e rubare i loro segreti. Continua a leggere:Orgogliosi di continuare a proteggere gli utenti, nonostante le false accuse dei media statunitensi

Antivirus KL gratis. E il mondo sarà un posto più sicuro

Ciao a tutti!

Ho una grande notizia da darvi: annuncio ufficialmente il lancio a livello globale di Kaspersky Free e, come potrete dedurre facilmente dal titolo di questo post, è completamente gratuito! Wow!

Stiamo lavorando a questa release da un anno e mezzo ormai, con versioni pilota in alcune regioni, un anno e mezzo di ricerche, analisi, modifiche… Da tutto ciò abbiamo potuto dedurre che:

  1. L’antivirus gratuito non entra in concorrenza con le nostre versioni a pagamento, nelle quali si trovano molte funzionalità extra quali Parental Control, Protezione pagamenti online e Secure Connection (VPN), funzionalità che giustificano pienamente il pagamento di €48,99 della versione Premium (su 3 dispositivi);
  2. Molti utenti non possono spendere €48,99 per la protezione Premium e installano versioni gratuite tradizionali (che fanno acqua da tutte le parti) o si affidano solamente a Windows Defender (mamma mia…);
  3. L’aumento nel numero d’installazioni di Kaspersky Free avrà una ricaduta positiva sulla protezione di tutti gli utenti: i nostri mega-database avranno più informazioni su cui lavorare e si perfezionerà così l’apprendimento automatico.

Grazie a questi 3 fattori siamo giunti alla conclusione che la versione gratuita andava fatta, e in fretta: il mondo ha bisogno di una versione gratuita made in Kaspersky Lab!

Continua a leggere:Antivirus KL gratis. E il mondo sarà un posto più sicuro

Ieri e oggi: sono già passati 20 anni! Sempre in crescita

Venti anni in questo settore… è molto o poco tempo? O meglio, che ne pensate di 25 anni di sviluppo continuo di nuovi prodotti e tecnologie (compresi i 5 anni precedenti alla nascita di KL)?

Per rispondere dobbiamo sapere quando è nata l’industria della cybersicurezza. Ebbene, i primi programmi antivirus sono comparsi solo qualche anno prima rispetto ai nostri 25 anni di attività.

Possiamo dire di essere tra quella manciata di sviluppatori ad aver creato la cybersicurezza! Siamo presenti in questo settore sin dagli albori (quando gli scanner di firme on demand andavano per la maggiore) e siamo qui ancora oggi nell’era dei big data e dell’apprendimento automatico. E siamo all’avanguarda da oltre vent’anni. Modestia a parte, è il nostro compleanno dopotutto! 😊

Non per vantarci ma pensate a tutte quelle malvagità informatiche che abbiamo sconfitto durante questi 20 anni!

Naturalmente non c’è solo un modo per interpretare la storia. E neanche la storia di Kaspersky Lab fa eccezione.

Da un lato, potremmo guardare le vecchie foto dei nostri momenti felici di questi 20 anni, ricordare gli errori ingenui commessi e i passi falsi con un po’ d’imbarazzo, oppure potremmo anche guardare allo specchio i nostri capelli ingrigiti e i segni del tempo sul volto con un’aria melanconica. Sì, potremmo…

Ma dall’altro lato, guardando le stesse vecchie foto di 20 anni fa, potremmo semplicemente sorridere e ammettere a noi stessi: “Niente male queste due decadi ma il bello deve ancora venire!” È tutta una questione di punti di vista: meglio concentrarsi sui problemi e le difficoltà o sui successi e i traguardi raggiunti? Ci dispiace, non diamo premi a chi indovina; sì, scegliamo il  secondo punto di vista, perché noi di KL pensiamo sempre positivo. Non si può fare altrimenti in questo settore! E speriamo, cari lettori, che questo nostro atteggiamento vi contagi.

In vista del nostro compleanno, abbiamo pensato a lungo a un modo forte e diretto per poter ispirare  le persone e al contempo essere fedeli agli eventi avvenuti in questi 20 anni (per non esagerare 😊) Ed ecco il risultato: facciamo una breve carrellata degli eventi più curiosi e divertenti che hanno coinvolto la nostra azienda nel corso degli anni, per capire com’era “ai vecchi tempi”, com’è oggi e come sarà in futuro.

Partiamo dal nostro ufficio.

Tornando agli inizi degli anni ’90, ci siamo trasferiti di ufficio 6 volte!

Ecco come appariva nel 1994  l’epicentro dello sviluppo di uno dei migliori antivirus del mondo. Quello spazio era l’intero ufficio! L’azienda ha preso il mio nome circa 3 anni dopo, ma era comunque il nostro ufficio. In realtà faceva parte dell’azienda KAMI, che negli anni ’90 produceva soluzioni hardware e software.

È stato proprio nel 1994 che abbiamo partecipato per la prima volta ai test dell’Università di Amburgo;, non ce l’aspettavamo, avevamo vinto per la nostra qualità della protezione. Nella foto qui di sopra la stanchezza aveva preso il sopravvento sulla felicità dopo aver appreso di questo grande traguardo.

Oggi abbiamo una sede principale nella nostra personale zona business, che si trova a metà strada tra il centro di Mosca e l’Aeroporto Internazionale Sheremetyevo.

Continua a leggere:Ieri e oggi: sono già passati 20 anni! Sempre in crescita

Buon compleanno a noi (20 anni)

Whoosh!

Cos’era?

Ragazzi, quella che è appena passata è la storia della cybersicurezza!

28 anni fa, da qualche parte nell’autunno del 1989, la mia Olivetti M24 è stata attaccata da un virus. Quell’evento ha cambiato la mia vita (e quella di molti altri)! Se quel virus avesse saputo che computer stesse attaccando quel giorno e quanti suoi discendenti pericolosi sarebbero stati annientati nel decennio successivo da me e dai ricercatori di Kaspersky Lab, sono sicuro che avrebbe alzato i tacchi e se la sarebbe data a gambe levate!

26 anni fa, nell’estate del 1991, un gruppo di fanatici del computer ha lanciato il bisnonno di quello che adesso è uno dei principali antivirus del mondo.

Esattamente 20 anni fa, il 26 giugno del 1997, è stato fondato Me Lab.

Ma oggi l’ufficio è abbastanza tranquillo. Non ci sono feste, né champagne. Nel nostro ventesimo compleanno? Non preoccupatevi, ci arriveremo. Organizzeremo come sempre la nostra solita festa alla moda, ma solo un po’ più tardi. Oggi si lavora come sempre. Stasera sarà tutto uguale, ma se volete brindare con qualcosa di buono e pronunciare qualche parola in nostro onore, vi prego di farlo. Riceverete in cambio sensazioni positive o un buon karma. Questo è certo!

Wow! Abbiamo appena ricevuto le congratulazioni dalla Scuderia. Grazie mille! (Le foto sono arrivate con una nota: “Kimi sta sorridendo, quindi lo facciamo anche noi”) 🙂

La glassa della torta di compleanno:

Adesso torniamo a quei drink… 🙂

Mi hanno chiesto… di tutto!

Ciao gente!

Ieri ho presentato il mio “Ask Me Anything” (AMA) su Reddit. Volevo approfittare di questo momento per ringraziare i partecipanti per tutte le domande che hanno posto (soprattutto per quelle più difficili). Quindi grazie a tutti per la bellissima sessione di domande e risposte! Sono state sicuramente domande molto varie che hanno spaziato dalla sicurezza degli smartphone alla Formula 1, dal mio cibo e dalle mie bevande preferite alla domanda obbligatoria su come si pronuncia bene il mio cognome e… a Star Wars. Effettivamente, mi avete posto così tante domande che non ho fatto in tempo a rispondere a tutte. Vi esorto però a leggere l’intero post in questo link (forse alcune delle mie risposte possono rispondere anche a qualche vostra domanda); se così non fosse, sentitevi liberi di porne qualche altra dal momento che potrei scrivere un altro post sul blog per rispondere o potrei farlo direttamente su Reddit.

Contemporaneamente all’AMA, a Washington DC si è tenuta un’udienza in cui sono state sollevate alcune preoccupazioni su Kaspersky Lab. Per noi non è una novità: siamo abituati alle false accuse. Ad ogni modo, fateci rispondere ad alcune delle domande che sono sorte in questa udienza e che sono state poste anche dalla comunità di Reddit.

Dato che gestisci server in Russia, la tua azienda è soggetta al Sistema di accertamento investigativo SORM?

No, il sistema SORM riguarda le aziende di Internet service provider (ISP) e le imprese di telecomunicazioni e noi non siamo niente di tutto ciò. Stessa cosa riguarda anche PRISM o sistemi simili. (Post AMA).

 

Il Comitato per l’intelligence del Senato statunitense sta interrogando i capi dell’Intelligence Community. È stato appena chiesto loro se fossero a loro agio utilizzando il software Kaspersky sui loro computer. La risposta è stata unanime: No.

Cosa ne pensi?

Con tutto il rispetto, non condivido il loro pensiero e mi dispiace tanto che questi signori non possano utilizzare il miglior software sul mercato per motivi politici. (Post AMA)

 

Cosa rispondi alla dichiarazione del Comitato per l’Intelligence (Mike Pompeo, Direttore della CIA; Andrew McCabe, Direttore dell’Acting FBI; Dan Coats, Direttore dell’Intelligence Nazionale DNI; Robert Cardillo, Direttore della National Geospatial-Intelligence Agency e Vincent Steward, Direttore della Defense Intelligence Agency) per quanto riguarda la scarsa fiducia riposta nel software Kaspersky Lab per i loro sistemi?

Ancora una volta penso che per ragioni politiche questi signori non abbiano scelta e credo che sia negata loro la possibilità di utilizzare il miglior terminale di sicurezza sul mercato senza un motivo reale o alcuna prova di irregolarità da parte nostra. Sarei lieto di testimoniare in Senato, di partecipare alle udienze e di rispondere a qualsiasi domanda che decidano di pormi. (Post AMA)

 

Il vostro software è dotato di blackdoor?

Lo scopo del nostro software è quello di proteggere i nostri clienti, non di violare i loro dispositivi. I nostri prodotti sono privi di qualsiasi funzionalità nascosta, incluse le blackdoor. (Post AMA).

 

Circa  i nostri rapporti con Michael Flynn

Giusto per chiarire un po’ le cose: abbiamo pagato un compenso affinché potesse parlare ad una conferenza pubblica a Washington. Non c’è nulla di scandaloso, era semplicemente un buon oratore. (Post AMA)

 

Circa le inevitabili domande del KGB (Comitato per la sicurezza dello Stato) e sulla disinformazione: l’affermazione “Una volta diventati agenti del KGB, lo si rimane per sempre” è vera?

Non saprei dirti, non sono mai stato un agente/impiegato del KGB nemmeno per un secondo. (Post AMA)

 

Circa le accuse secondo cui aiutiamo i governi a commettere cybercrimini

Kaspersky Lab non ha alcun legame con il governo e l’azienda non ha mai aiutato alcun governo del mondo a mettere in atto tentativi di cyberspinaggio. E mai lo farà. (Dichiarazione completa)

In conclusione, non ci è stato chiesto di partecipare ad alcuna udienza o indagine. Come abbiamo già detto in precedenza, siamo sempre lieti di dare una mano in indagini in cui le nostre conoscenze potrebbero servire per il bene comune o di rispondere alle domande della commissione del Congresso sul lavoro della mia azienda. Continua a leggere:Mi hanno chiesto… di tutto!

Un ascensore su Internet vs Internet in un ascensore

Ho davvero un’ottima opinione dell’azienda Schindler, la più grande produttrice di ascensori e scale mobili. (La prossima volta che utilizzate questi tipi di trasporto, prestate attenzione al logo del produttore). Credo che questa azienda meriti tanto rispetto e che le sue pratiche commerciali siano degne di essere studiate ed emulate. Ad ogni modo, quando vedo lo stand dell’azienda in una fiera ed è pieno di slogan come questo, mi viene un brivido lungo la schiena, inizio a sentirmi a disagio e il mio occhio sinistro inizia ad avere tic. Perché?

Ho avuto problemi con tre slogan in particolare:

– Come posso far diventare il mio ascensore un nativo digitale?

– Cosa fa il vostro ascensore quando dormite?

– Potete trovare il vostro ascensore su Internet?

Se date un’occhiata più da vicino potete vederli in questa foto:

Potrebbe essere una cosa che non infastidisce tutti, ma mi rende un po’ ansioso. Ovviamente capirete che…un ascensore su Internet non è pericoloso quanto Internet in un ascensore! Ok, questi sono gli incubi di cui occuparsi stanotte. No, non sto provando a spaventarvi e ovviamente non vorrei che nessuno sognasse l’ascensore di questa vignetta!

La sua sede si trova nell’Hannover Messe, l’enorme fiera annuale delle soluzioni industriali. Si parla di automatizzazione, di produzione, di industria energetica, di ogni tipo di robot, dei pezzi di ricambio più rari e di altri tipi di magie industriali moderne.

Continua a leggere:Un ascensore su Internet vs Internet in un ascensore

Alla fine non è tutto tranquillo sul fronte dell’antitrust

Lo scorso autunno, nel nostro mercato interno ci siamo rivolti al Servizio federale anti-monopoli russo per una denuncia contro Microsoft riguardo le violazioni della normativa antitrust.

Nonostante il lungo silenzio dei media, la questione è stata sicuramente affrontata, anche se lentamente. E non prestate attenzione ai report poco accurati sulla mancata presentazione di reclami simili alla Commissione Europea: tutto questo faceva riferimento ai retroscena di un’intervista che ho fatto in Germania in cui sembra che una o due cosette siano state male interpretate (forse a causa di una cattiva traduzione). Non stiamo assolutamente pensando di “farci temporaneamente da parte” e di non presentare la denuncia nei confronti della nostra concorrenza alla Commissione europea.

Ad ogni modo, invece di leggere i report è sempre meglio sentirlo dal diretto interessato… quindi eccomi qui con le notizie vere, i dettagli confermati e i progetti che posso condividere con voi senza compromettere norme etiche o giuridiche.

Ok, iniziamo…

Microsoft ha intrapreso un duplice approccio: (I) smentite formali; (II) azioni concrete specifiche per occuparsi delle richieste di antitrust

Prima di tutto, come ci aspettavamo, Microsoft non è d’accordo con le nostre affermazioni. “Non abbiamo creato le condizioni…”, “non abbiamo violato…” e “non dominiamo…”. Ma i fatti sono argomenti testardi e malgrado le smentite formali, Microsoft ha intrapreso alcuni passi cruciali per rettificare la situazione. E sembra che le nostre azioni avrebbero aiutato a incoraggiare Microsoft a farlo. Ovviamente si devono fare molte altre cose, ma almeno questo è un buon inizio per assicurarsi del fatto che i consumatori abbiano l’opportunità di scegliere quale sia la migliore soluzione di cybersicurezza per loro.

Sembra che Microsoft abbia intrapreso un duplice approccio: (I) smentite formali (il che è logico) e (II) azioni concrete specifiche (anche se piccole) per andare incontro agli utenti e agli sviluppatori indipendenti di software.

Non parlerò delle smentite formali, ma in questo post vi dirò qualcosa in più su queste “azioni concrete” messe in atto di recente da Microsoft. Diamo un’occhiata a tre esempi significativi:

Esempio 1: L’allarmante pagina dello status del PC di Windows Defender

Una delle denunce fatte contro Microsoft riguardava l’ingannevole pagina dello status del PC di Windows Defender che si può vedere qui di seguito:

La buona notizia è che in un recente aggiornamento Microsoft ha cambiato la pagina dello status che veniva visualizzata in precedenza, rimediando ad alcuni degli elementi ingannevoli e che generavano confusione di cui avevamo parlato.

Quindi a cosa serviva la pagina dello status originale e quali erano le nostre obiezioni?
Continua a leggere:Alla fine non è tutto tranquillo sul fronte dell’antitrust