Tag: compagnie aeree

Benvenuti in Groenlandia!

Per qualche scherzo del destino, spesso attraverso in volo l’Atlantico del Nord: Europa – America – Europa; a volte Asia – America – Europea; a volte altre combinazioni più esotiche. Per esempio: talvolta arrivo a sorvolare la Groenlandia. Certe volte di notte: in questo caso non c’è nulla da riferire. Altre volte di giorno, ma il clima è prettamente polare e la visibilità scarsa. Ma solo qualche volta, molto di rado, ho fortuna: volare sulla Groenlandia quando c’è il sole e un bel panorama.

Una di queste, ad esempio, è stata a luglio del 2012: un viaggio pazzesco, un aereo pazzesco e un bel tempo pazzesco.

grenlandiya_1Facciamo un salto a luglio del 2016 e fa di nuovo un bel tempo pazzesco sull’estesa terra verde bianca. Ma stavolta non la stavo soltanto sorvolando, dovevo atterrare poi fermarmi alcuni giorni. Urrà!

Continua a leggere:Benvenuti in Groenlandia!

Dalla Corea alla Svizzera con la Turkish Airlines

Un lungo volo quello nostro di ieri notte: 11 ore di volo!

DSC07358

Dando uno sguardo alla traiettoria di volo sullo schermo, mi sono chiesto perché la nostra rotta fosse così dritta. Se avessimo volato passando per la Siberia del Sud, il percorso sarebbe stato senza dubbio più corto e quindi ci avremmo messo meno tempo (probabilmente circa due ore). Che la Turkish Airlines non voglia pagare le tasse aree di sorvolo? O forse che sia per ragioni geopolitiche? Queste riflessioni ci portano ad altre domande:

  1. Sulla rotta Seoul-Istanbul quanti chilometri si risparmierebbero se si potesse volare ad arco in direzione nord? Quanti minuti ed ore si risparmierebbero?
  2. Quale sarebbe il costo per un biglietto per un Boeing 777 che attraversa la Russia dal confine con il nordest della Mongolia e Novorossiysk (dal lato opposto del Mar Nero alla Turchia)?
  3. Che sia per motivi geopolitici?

Qualcuno conosce le risposte?
Continua a leggere:Dalla Corea alla Svizzera con la Turkish Airlines

Foto di Flickr

Instagram

Londra – Tel Aviv con la British Airways: poco soddisfatto

Eccoci qui di nuovo…

Suona la sveglia: “Dove sono?”. Hotel, doccia, valigia, taxi, aeroporto, check-in, raggi X, colazione (se così si può chiamare, panino e succo di frutta). Poi gate e… posto lato finestrino. Questa è stata la prima nota dolente della giornata. Mi trovavo proprio sopra l’ala, tra l’altro una di quelle sporche e molto grandi (era un Boeing 777). Avevo già l’impressione che sarebbe stata una di quelle giornate in cui tutto va storto…

london-tel-aviv-uk-israel-flight-1

Non si vede nulla dal finestrino? Non mi rimane che schiacciare un pisolino. Era un volo di quelli che partono presto, tipo alle 8:00 di mattina, ma prendere sonno con il ZZZ dell’aereo e dell’ala non sarebbe stato facile…

Sono riuscito ad addormentarmi proprio quando il pilota mi ha svegliato. Stava annunciando che per problemi tecnici non riuscivamo a decollare. Booo, comunque “meglio prevenire che curare!”. Ci hanno quindi rispediti al gate, tutti in massa, e poi indietro fino all’aeroporto fino a quando non hanno risolto il problema.

Siamo rimasti seduti lì per 2 ore mentre risolvevano il problema, rimuovevano la parte dell’aereo difettosa e la rimpiazzavano con una nuova. Almeno avevano la parte di scorta – ho pensato tra me e me.

Poi ci hanno rispediti in massa verso il Boeing, accompagnati da alcuni assistenti di volo della British dallo strano accento.

Continua a leggere:Londra – Tel Aviv con la British Airways: poco soddisfatto

Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti al Blog

La rotta aerea dal Sudamerica al Sudest asiatico

La tratta da Cancún (Messico) a Sanya (Cina) non sarà mai una delle più semplici, anche con le migliori condizioni atmosferiche. Ciò nonostante, non sarà neanche una delle più lunghe. Comunque, quella tra il Sudamerica e il Sudest asiatico (volando in entrambe le direzioni), appartiene alla categoria delle “rotte più difficoltose al mondo”: le distanze sono sempre grandi, e le tratte aeree di rado sono dirette.

Per esempio, volare da Hong Kong, Bangkok o Kuala Lumpur a Santiago o Buenos Aires sarà sempre un test di aero-resistenza sia per le ore di viaggio totali, sia per il numero di scali. Lo dico sempre: poiché le quattro tratte disponibili, impiegano tutte, approssimativamente, lo stesso numero di ore per essere percorse, la mia domanda è:

Quali sono questi quattro (molto diversi tra loro) modi di volare (su un volo di linea) dal Sudest asiatico al Sudamerica? (tra l’altro, uno di questi devo ancora provarlo). Diciamo, da Hong Kong a Santiago e da Hong Kong a Buenos Aires?

World Map

Continua a leggere:La rotta aerea dal Sudamerica al Sudest asiatico

Dal Messico alla Cina

Attenzione, prego! È l’aeroporto di Tijuana che vi parla! Sta per avere inizio un reality show sulle avventure di un viaggiatore che tenta di volare dal Messico alla Cina. Benvenuti a bordo!

Dunque, il modo più comodo per arrivare in Cina da Cancún è prendere il volo Cancún -> Città del Messico -> Shanghai (con una sosta per fare rifornimento). Stavolta, il tentativo di seguire questa rotta è stato un fallimento totale. L’aeroporto di Shanghai-Pudong era chiuso per motivi tecnici, ovvero una fitta nebbia. Quindi, sto seduto nella città più a nord-est del Messico, Tijuana, aspettando di partire.

Questa è davvero una zona remota del Messico, la maggior parte delle persone non ci verrà mai e probabilmente non l’avete mai sentita nominare. Ciò non fa che rendere il tutto più interessante! È conosciuta come la terza città più prosperosa del paese (dopo Cancún e Città del Messico). Forse, grazie agli Stati Uniti, proprio dall’altro lato della frontiera, che qui hanno aperto ogni sorta di stabilimento produttivo, fanno uso delle locali strutture sanitarie (economiche, ma dignitose) ecc. È anche uno dei posti col più alto tasso di criminalità del Messico, che fornisce droga e immigrati irregolari agli States. Brutta storia… Ma sembra (il centro, quello che vedo dal mio hotel) abbastanza decorosa: potrebbe essere un posto qualsiasi in California o in Florida o giù di lì.

Tijuana-airport-1

Continua a leggere:Dal Messico alla Cina

PERDERE UNA VOLTA UNA VALIGIA PUÒ ESSERE VISTO COME UNA SFORTUNA…

… perderla due volte, su due voli, in altrettanti giorni è segno di trascuratezza!

La mia valigia nera fa qualche giretto. In effetti, viaggia intorno al mondo varie volte l’anno. Potete quindi immaginare la mia… incredulità quando, su un breve volo per l’Europa occidentale, è stata smarrita DUE VOLTE.

Forse sono io da biasimare, almeno in parte. Avrei dovuto prestare ascolto. Dei viaggiatori più esperti mi avevano detto che per andare da Mosca in Lussemburgo e ritorno, è meglio atterrare a Dusseldorf, nella vicina Germania, noleggiare un’auto, guidare per più di due ore (200 chilometri di autostrada, stranamente) in Lussemburgo e tornare indietro, lo stesso percorso al contrario.

Non mi sognavo neanche di stare due ore al volante, così alla fine ho preso un volo Mosca-Milano-Lussemburgo (Aeroflot + Luxair), e al ritorno Lussemburgo-Francoforte-Mosca (Lufthansa + Aeroflot). Questo viaggio si è rivelato più lungo, perché abbiamo aspettato a Milano più delle due ore che ci sarebbero volute per Dusseldorf-Lussemburgo in macchina. Ma questo non è niente…

Vedete, quando viaggiate con diverse compagnie aeree di alliance differenti, con scali che coinvolgono più di un terminal, c’è sempre il rischio che il vostro bagaglio non vi venga dietro. Questo è quello che mi è successo la settimana scorsa. Ma, come dicevo, la mia valigia è riuscita a perdersi sia all’andata, sia al ritorno! Avrei anche potuto non portarla, dato che non ho neanche avuto il tempo di utilizzarne il contenuto che avrebbe reso il mio viaggio in Lussemburgo… confortevole!

Durante il viaggio, le cose non sono andate così male: sono stato rapidamente informato che la mia “valigia era ancora a Milano”, e quella stessa sera è stata recapitata nella mia camera di hotel.

Al ritorno, invece, le cose si sono fatte inaccettabili, da boicottaggio. Riempire moduli alla dogana, elencare cosa ci fosse nella valigia (perché?), una fila al lost-and-found… Risultato? Ho lasciato l’aeroporto un’ora dopo l’atterraggio.

Alla fine la mia valigia è arrivata, ma solo due giorni dopo! Cosa sarebbe successo se il mio viaggio fosse proseguito, che so, nel Sudest asiatico? Una volta, un amico ha avuto questo problema: durante un viaggio d’affari in molte città degli Stati Uniti, dopo essere stata smarrita già in Europa, la sua valigia non l’ha mai raggiunto (tuttavia ci ha provato, seguendolo da un hotel all’altro per tutta l’America!!).

Eccola, fuori dal mio ufficio centrale. “Urgente”? URGENTE???!! 🙂

 

post-29-0-84406400-1448983306

Almeno da questo inconveniente è venuto fuori qualcosa di positivo: farò del mio meglio per evitare di imbarcare una valigiona su voli brevi. Solo bagaglio a mano d’ora in poi.

A presto amici, non andate via!

JFK: IL RITORNO

Molti aeroporti statunitensi sono catastroficamente mediocri quando si tratta di scali. Quindi, quando programmate viaggi aerei con destinazioni multiple, se avete l’opportunità di non fare scalo negli Stati Uniti, approfittatene, anche se significa utilizzare i servizi di bordo della compagnia che odiate di più!

Fra tutti gli aeroporti americani, uno in particolare è tremendo…beh, vi sentireste in imbarazzo per il Paese che consente un tale abominio. Sì amici, questo aeroporto è orrendo in maniera così sconcertante che deve essere evitato a tutti i costi. In qualità di viaggiatore frequente in business class, ho stabilito un rigido embargo sul suo utilizzo già diversi anni fa, e se anche voi volate spesso in giro per il mondo, vi consiglio di fare lo stesso.

Almeno, questa è la situazione per come la conosco io (o la conoscevo?). Ma poi arriva D.Z. cantandone le lodi dopo una recente esperienza positiva (per cominciare, devo ancora scoprire perché ha revocato l’embargo:) Devo dire che le sue argomentazioni sembrano convincenti, quindi gli passo le redini e decidete voi:

—8<—

Location: A bordo del volo Delta (DL467) Mosca-New York, Settembre 2015.

News: Dall’1 Dicembre 2015 Delta sospenderà  i voli con destinazione Russia, per motivi noti a loro soltanto. Comunque, penso che Aeroflot e le altre compagnie saranno pienamente a conoscenza delle ragioni e le comprendono, le condividono e le supportano.

“Delta”: la compagnia con un servizio di bordo tradizionalmente discreto. Ma stavolta…

…uno dei bagni di fronte è “riservato ai piloti”. Da un lato c’è un carrello che blocca il corridoio; dall’altro c’è un’assistente di volo piazzata lì che dice a chiunque arrivi di non avanzare: “è per i piloti, e ci sono delle norme di sicurezza” o qualcosa del genere. Se incalzata, ribatte: “Usi l’altra toilette!”. Ok! Quindi tutta la business class sta in una coda infinita per il bagno dall’altro lato!

Bene, che faccio adesso?

Terminator Genisys, visto! Mad Max 4, visto un mese fa. Email tutte in ordine, il post per Kaspersky Daily pronto per essere pubblicato.

Ma poi, all’improvviso, da qualche parte tra la Norvegia e l’Islanda, mi accorgo del Wi-Fi a bordo! 14.95$ per un’ora, 27.95$ per tutto il volo, 45.95$ per tutto il giorno. Ok. Carta di credito inserita, PIN digitato, accesso. Vediamo quanto va veloce…

image3 Continua a leggere:JFK: IL RITORNO