Post del mese: settembre 2013

K-LOVE & KISSES 2014 – Seconda parte: alfa, beta, zeta

Bentornati amici!

Cosa c’è di nuovo nel nostro KIS 2014, il nuovo prodotto Kaspersky Lab che ha la missione di salvare i nostri dati dai cybercriminali? L’ospite d’onore del post di oggi è la tecnologia ZETA Shield.

Potremmo definirla come una sorta di microscopio hi-tech per antivirus che individua ed elimina anche i malware più insidiosi che si nascondono nei meandri dei file complessi. Per dirlo in poche parole, questa tecnologia ci protegge da future minacce, anche le più sconosciute, quelle che ci colgono di sorpresa e che si trovano nei file più insospettabili.

Per capire meglio il funzionamento della tecnologia ZETA Shield, prendiamo ad esempio le matrioske, le tipiche bamboline russe.

Gli antivirus possono scomporre anche i malware più complessi, nascosti uno dentro l’altro come delle bambole russe. Tuttavia non è sempre semplice.

Come ben sapete, le matrioske sono delle bamboline nascoste una dentro l’altra. Si tratta di una buona analogia con il mondo dei virus e dei programmi infetti e ora vi spiego perché. Un malware fa di tutto per intrufolarsi nell’ambiente che vuole attaccare, e adotta anche dei trucchi per modificare le sue sembianze ed evitare di essere intercettato dai programmi antivirus. S’insinua nei file archiviati, nei contenitori crittografati, nei file multimediali, nei documenti, negli script ecc. E le possibilità sono infinite. Il compito di un programma antivirus  è quello di frugare nelle zone più recondite di questi oggetti ed estrarre eventuali malware.

Quindi è così che funziona e niente più? In realtà non è così semplice, c’è dell’altro.

I programmi antivirus da tempo riescono a scorporare anche i file più complessi. Fin dai primi anni ’90 le aziende si avvalgono delle nostre tecnologie antivirus soprattutto perché riescono ad aprire file compressi e archiviati. Tuttavia, decomprimere un file è solo una parte del lavoro.  C’è bisogno di uno strumento  abbastanza sofisticato che consenta anche di analizzare queste “matrioske”, capire cosa contengono, creare collegamenti tra eventi diversi e infine elaborare una diagnosi. E il tutto in maniera proattiva senza avvalersi di aggiornamenti e signature. È come il lavoro di un detective, che deve trovare potenziali armi binarie. Le componenti di queste armi, prese da sole, sono innocue, ma insieme danno come risultato un congegno mortale.

Ed è qui che interviene la tecnologia ZETA Shield.

Giusto in tempo, tra l’altro, dal momento che il numero di attacchi mirati e zero-day continua ad aumentare, così come la loro sofisticatezza. L’acronimo in inglese ZETA riflette proprio lo scopo per cui è stata creata questa tecnologia (ZETA = Zero-day Exploits & Targeted Attacks).

ZETA Shield Continua a leggere:K-LOVE & KISSES 2014 – Seconda parte: alfa, beta, zeta

La vendetta è un piatto servito freddo… ai troll

La vendetta è un piatto che va servito freddo – molto freddo. Ma presto o tardi, il piatto verrà servito. E a chi è destinato? A quei personaggi sgradevoli e meschini: i “patent troll” (società che brevettano tecnologie per poi denunciare le aziende e chiedere in cambio ingenti somme di denaro).

In questa sede, ho già parlato approfonditamente dei troll e delle misure necessarie per combatterli.

Lasciatemi dunque fare un breve riassunto circa quello che andrebbe fatto:

  • Limitare l’uso dei brevetti – istituire un periodo all’interno del quale è vietato inviare un reclamo.
  • Istituire una compensazione obbligatoria delle spese del processo all’imputato quando vince la causa  o quando viene ritirata l’accusa;
  • Bandire i “patent aggregators” che intraprendono azioni legali;
  • Maggiore chiarezza e accuratezza nelle descrizioni dei brevetti e un esame tecnico obbligatorio;
  • Infine (la cosa più importante), non brevettare idee, ma tecnologie che abbiano una ripercussione pratica concreta.

Qualche volta ho l’impressione che i legislatori statunitensi leggano il mio blog. Perché? Da quando ho iniziato a denunciare questi abusi, (finalmente) qualcosa si sta muovendo. Nello stato del Vermont è infatti entrata in vigore la prima legge anti-troll.

Sono molti i punti interessanti di questa legge; ma quello che mi piace di più è che ora l’azienda accusata, se riesce a provare che il troll non ha agito in buona fede, può richiedere all’ “azienda-troll” un rimborso di tutte le spese processuali.

Continua a leggere:La vendetta è un piatto servito freddo… ai troll

Foto di Flickr

Instagram

Magdeburgo: una cittadina AVant garde

C’è un detto russo che tradotto in italiano suona più o meno così: “Vivi un secolo e rimarrai sorpreso per un secolo”. Quello che si nasconde dietro questa frase, è che giusto quando credi di aver visto e vissuto tutto, scoprirai che in realtà non è affatto così. Ogni giorno, fino all’ultimo, è una grande sorpresa. Per me, questo detto si applica al viaggio che ho fatto a Magdeburgo, in Germania… un’esperienza sorprendente!

Magdeburgo è una cittadina provinciale, piccola e un po’ monotona (secondo me, vivo a Mosca gran parte dell’anno e sono abituato ad altre realtà :)). Magdeburgo è attraversata dal fiume Elba (la sua capacità, in questo punto, è piuttosto scarsa, ma offre una vista circostante molto bella). La cittadina ospita un castello (restaurato) dalle mura imponenti e una cattedrale gotica, ma oltre a questo, non c’è molto altro. A parte una cosa che rompe totalmente tutta la monotonia…

Nel centro della città si trova un complesso residenziale/commerciale conosciuto come la Grüne Zitadelle (la Cittadella Verde). Date un’occhiata ai colori, alle forme e ai disegni. Avete mai visto una cosa del genere?

È un progetto piuttosto bizzarro ed eccentrico realizzato dall’artista e architetto austriaco Friedensreich Hundertwasser, un Gaudi nel XX secolo. La Cittadella Verde è solo uno dei tanti edifici che l’artista, lungo tutta l’Europa centrale, ha trasformato in opere d’arte e ha contrassegnato con il suo stile assolutamente originale.

Questo architetto austriaco era davvero un anticonformista, e perciò non posso che non essere un suo fan. Lui credeva che le persone non dovevano vivere in case che assomigliavano a scatole, tutte uguali e tristi, ma riteneva che dovessero dipingere o in qualche modo cambiare i muri attorno ai quali vivevano. E questo significa anche le pareti interne. Friedensreich Hundertwasser ha anche trasformato diverse fabbriche abbandonate in opere d’arte avant gard.

Troppe parole. Ora qualche foto:

magdeburg-1 Continua a leggere:Magdeburgo: una cittadina AVant garde

Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti al Blog

Un leader che ha ridato speranza al mondo

Signore e signori,

Oggi è una giornata speciale perché si festeggia una delle persone più importanti al mondo. Ricorre, infatti, il 90esimo compleanno di Lee Kuan Yew, il fondatore e leader indiscusso di Singapore. Senza di lui, questa prospera città-stato asiatica sarebbe oggi molto diversa. Lee Kuan Yew ha trasformato una Singapore un tempo anonima, in una nazione florida e in una città da sogno. Un esempio per gli altri paesi del mondo.

Com’era Singapore prima?

Nel 1965, Singapore ottenne l’indipendenza; in realtà, non solo fu obbligata a diventare indipendente, ma venne gettata via come fosse spazzatura. Si trattava di un piccolo gruppo di isole economicamente sottosviluppate con un futuro assolutamente non roseo, sul quale nessuno ci avrebbe scommesso un soldo. Nel panorama internazionale, Singapore non veniva affatto considerata.

Cosa caratterizzava Singapore?

  • Un territorio desolato, una zona paludosa dove vi pascolavano mucche e maiali;
  • Nessuna risorsa naturale a disposizione, nemmeno acqua potabile (apparentemente la situazione è ancora questa).
  • Paesi vicini non propriamente amichevoli (per usare un eufemismo);
  • Una popolazione quasi analfabeta, forte influenza comunista (anche con aiuti dall’esterno);
  • Conflitti etnici interni; popolazione composta da cinesi, malesi e indù, con le rispettive diverse religioni.

E in più:

  • Crimine organizzato;
  • Niente esercito, niente forza di polizia leale;
  • Corruzione con la C maiuscola;
  • Oltre alla base militare inglese e porti marittimi, nessun altro tipo di attività economica.

Non è abbastanza?

Disagio, povertà e nessuna prospettiva. Questa era Singapore nel 1965.

Dopo venticinque anni di riforme (fino al 1990), Singapore si è trasformata in una città completamente diversa.

Continua a leggere:Un leader che ha ridato speranza al mondo

K-LOVE & KISSES 2014 – Prima parte

Hip, hip, urrà! Evviva! L’ultima versione di KIS è finalmente arrivata, più o meno ovunque!

Rispettando la tradizione che ormai abbiamo da tempo, ovvero quella di lanciare un nuovo kit antivirus durante i mesi estivi, siamo orgogliosi di annunciare che KIS 2014 è ufficialmente disponibile nelle principali aree del mondo e nelle lingue più diffuse. Chi fosse interessato, può scaricare qui la nuova versione e anche le indicazioni per l’upgrade della versione.

Anche il mio post in cui descrivo tutte caratteristiche della nuova versione di un prodotto sta diventando una specie di tradizione. E non poteva mancare in questa occasione…

Innanzitutto, c’è da dire che KIS 2014 ha un sacco di funzionalità in più! E sono talmente tante che, per evitare di farvi addormentare durante la lettura di un articolo infinito, ho pensato di descriverle in vari post.

Bene, iniziamo allora… Post nº1:

I nuovi pack di KIS 2014 danno davvero il massimo per garantire la sicurezza dei dispositivi; parafrasando la mitica canzone dei Daft Punk, la nuova protezione è… harder, better, faster, stronger. KIS ha vissuto una vero e proprio rimodellamento dell’interfaccia, così come sono state migliorate alcune funzionalità già esistenti.

Nuove opzioni consentono di rendere sicure le transazioni online (abbiamo rafforzato la tecnologia Safe Money), ci sono nuove impostazioni nella sezione Parental Control, abbiamo integrato la protezione dai blocchi schermo, e abbiamo aggiunto nuovi acceleratori e ottimizzatori affinché la protezione fornita dal nostro prodotto non ostacoli le attività dell’utente, che sia cioè forte e allo stesso tempo invisibile.

Computer protetto

Tuttavia, l’aspetto migliore è che in tutte le versioni abbiamo concentrato i nostri sforzi  per ottenere la massima protezione dalle minacce future, aggiungendo nuove tecnologie specifiche e all’avanguardia (che non compaiono in nessun prodotto della concorrenza). Tranquilli, non abbiamo usato una macchina del tempo, né abbiamo catturato qualche cybercriminale costringendolo a confessare i suoi piani malefici. Il nostro essere sempre proiettati verso il futuro è il risultato di numerosi calcoli e di teorie per interpretare in che modo si sviluppa il cybercrimine, e poi applichiamo questi risultati alle nostre nuove tecnologie per garantire agli utenti il massimo della protezione.

Tra le misure di prevenzione contro le minacce future, mi piacerebbe evidenziare la potenziata Prevenzione Automatica degli exploit, e due speciali tecnologie inizialmente sviluppate per le aziende, ma ora disponibili anche per privati, ovvero Zeta Shield e Modalità applicazioni attendibili, oltre a un anti-blocker proattivo integrato.

Vi domanderete a questo punto: ma tutte queste nuove funzionalità, che sembrano così moderne e  interessanti, aiutano davvero a mantenere il nostro computer libero da virus giorno dopo giorno? Per farvi capire meglio, vi parlerò più approfonditamente di ciascuna caratteristica.

Continua a leggere:K-LOVE & KISSES 2014 – Prima parte

Hotel QR… che tecnologici questi tedeschi!

Guten tag a tutti!

Mi trovo al momento in viaggio, in auto, attraverso l’Europa e siccome strada facendo, mi sono imbattuto in un sacco di cose bizzarre, mi sono sentito in “dovere” di condividerle con i miei lettori più accaniti e perspicaci. Siete pronti?

Stranezza n.1

Che tipo di auto si possono vedere sulla autobahn tra Francoforte e Hannover? Un sacco di auto moderne, certamente. Ma quali sono quelle che invece è meno probabile trovare? Facile, i vecchi modelli. E così forse potete capire il mio stupore nel vedere una ZAZ Serie 960 vintage, e targata Mosca! Incredibile! Quale sarà il passo successivo? Asini volanti? Comunque, tornando all’auto, se ne vedono varie qui di questo tipo: accellerano, scoppiettano, rantolano… I guidatori delle utilitarie erano così stupefatti che rallentavano. Ecco perché il traffico era così congestionato! Santo cielo!

Germania_1La risposta dell’URSS al Maggiolino della Volkswagen

Continua a leggere:Hotel QR… che tecnologici questi tedeschi!