Tag: guerra informatica

Notizie in chiaroscuro dal mondo informatico

Ciao a tutti!

Abbiamo in serbo per voi alcune notizie di sicurezza informatica piuttosto sorprendenti. La prima della lista preoccupa un po’ e riguarda un piccolo dispositivo piuttosto diffuso e che in molti non ne possono fare a meno e devono averlo sempre a portata di mano (anche a letto o in bagno). L’ultima, invece, è una storia positiva e incoraggiante che riguarda le donne nel settore IT. Iniziamo dalle brutte notizie…

Non entrate nel club delle vittime di Asacub

Oggi come oggi, gli utenti affidano ai propri smartphone (di fiducia?) tutta una serie di informazioni di grande importanza (dati bancari, di lavoro, documenti personali, messaggi che dovrebbero essere visti solo da pochissime persone etc etc.). Sicuramente siete già al corrente di questa situazione e probabilmente fate parte di questo esteso gruppo di persone. Se è questo il caso, vi consigliamo di leggere attentamente quanto segue…

A fine agosto è stato registrato un importante incremento nella diffusione del Trojan Android Asacub, che sfrutta quella debolezza peculiare dell’essere umano che si chiama curiosità. Il Trojan invia un messaggio di testo del tipo: “Hey Mario, dovresti proprio vergognarti + link”, oppure “Mario, abbiamo ricevuto un MMS da Carlo che ti riguarda + link”. Mario inizia a domandarsi di cosa si tratti, la curiosità cresce, vuole sapere cosa c’è nella foto, clicca sul link e scarica (volontariamente!) un’applicazione… che accede alla sua rubrica i cui contatti, a loro volta, riceveranno lo stesso messaggio o uno simile.

Ma non finisce qui. Il malware, ad esempio, può leggere i messaggi in arrivo e mandare il loro contenuto agli hacker che lo hanno creato o a un numero di telefono prescelto. La capacità di intercettare e inviare messaggi fa sì che i creatori del Trojan, tra le varie cose, possano trasferire denaro dal conto bancario della vittima, se la carta di credito è collegata al numero di telefono. Come se non bastasse, la vittima riceverà un “bonus”: una bolletta telefonica salatissima per l’invio in massa di messaggi a tutta la rubrica (a sua insaputa).

Come proteggervi da questi malware mobile così preoccupanti?

Ecco qualche consiglio:

  • Non cliccate mai su link sospetti;
  • Verificate attentamente le autorizzazioni richieste dall’applicazione che vorreste installare (ad esempio, accesso a microfono, videocamera, posizione etc.);
  • Ultimo ma non meno importante (e il passo più semplice da fare): installate una protezione affidabile sul vostro dispositivo Android.

Android? Sento già un enorme sospiro di sollievo provenire da molti di voi: “Aaaaaah, ma io per fortuna ho un iPhone!”

Prestate molta attenzione a quanto vi dico, cari amanti del mondo Apple: ecco un paio di link anche per voi (non preoccupatevi, su questi sì che potete cliccare, ve lo assicuro):

Continua a leggere:Notizie in chiaroscuro dal mondo informatico

Pigrizia, cyber-sicurezza e apprendimento automatico

È proprio così: l’essere umano è una creatura pigra. Se è possibile non fare qualcosa, non la facciamo. Comunque, paradossalmente si tratta di un qualcosa di positivo perché la pigrizia è… il motore del progresso! Cosa? E come? Beh, se un lavoro è considerato troppo difficile, lungo o complesso da svolgere per gli umani, certi esseri umani pigri (Homo Pigrus? 😉 ), ma coscienziosi, potrebbero affidare il lavoro ad una macchina! Nel campo della cybersicurezza lo possiamo chiamare ottimizzazione.

L’analisi giornaliera di milioni di file e siti dannosi, sviluppando “inoculazioni” contro future minacce, migliorando per sempre la protezione proattiva, e risolvendo dozzine di altri compiti critici… tutto questo è semplicemente impossibile senza l’uso dell’automazione. E l’apprendimento automatico (anche chiamato intelligenza computazionale) è uno dei concetti chiave nel campo dell’automazione. 

L’apprendimento automatico viene applicato alla cybersicurezza da oltre un decennio (solo senza il clamore del marketing).

L’automazione esiste nella cybersicurezza fin dall’inizio, dagli albori della cyber-sicurezza stessa. Ricordo, per esempio, come all’inizio degli anni 2000 avessi scritto il codice per un robot che aveva il compito di analizzare i campioni di malware in entrata: il robot metteva i file individuati nella cartella corrispondente del nostro archivio malware in continua crescita che si basava sui suoi verdetti (suoi, ovvero del robot!) e riguardavano le sue caratteristiche (quelle dei file!). È difficile credere ora che a quel tempo ero abituato a fare tutto manualmente!

Oggigiorno comunque, dare semplicemente ai robot istruzioni precise per i compiti che tu vuoi che lui svolga non è sufficiente. Le istruzioni per i compiti da svolgere dovevano essere impartite in modo impreciso. Sì, proprio così!

Per esempio, “trova i volti umani in questa fotografia”. Per farlo non descriverai come i volti umani vengono riconosciuti o come si distinguono da quelli di un cane. Quello che farai è mostrare al robot diverse fotografie e aggiungerai: “questi sono umani, questo è un volto umano, e questi invece sono cani; ora sbrigatela tu!”. In poche parole è la “libertà della creatività” ad autoproclamarsi apprendimento automatico.

25ccd2f400000578-2958597-image-a-27_1424270103152

Continua a leggere:Pigrizia, cyber-sicurezza e apprendimento automatico

Foto di Flickr

Instagram

Kaspersky Lab sta sviluppando un Sistema Operativo Proprio? Confermiamo le indiscrezioni, e poniamo la parola fine alle speculazioni!

Salve a tutti!

Oggi ho voglia di parlarvi di cosa ci riserva il futuro. E si tratta di un futuro non molto glamour, fatto di attacchi cibernetici di massa diretti alle centrali nucleari, all’approvvigionamento energetico, alle strutture di controllo dei trasporti, ai sistemi finanziari e delle telecomunicazioni, e in generale a tutte quelle che noi definiamo come installazioni di importanza cruciale. Per rendere l’idea potrete rivedervi il film Die Hard 4 (Duri a Morire 4) – in cui un attacco alle infrastrutture mandó in caos un intera nazione.

Ahimè, l’obiettivo di John McClane non era quello di risolvere I problemi dei vulnerabili sistemi industriali, e anche se si fosse dedicato a ciò, i suoi metodi abituali non avrebbero potuto funzionare. Ad ogni modo, noi stiamo lavorando allo sviluppo di tecnologie che ci consentano di creare un sistema operativo capace di proteggere alla perfezione gli stessi critici sistemi IT [ industrial control systems(ICS)]. Alcune indiscrezioni in merito al progetto di Kaspersky Lab erano già trapelate in Internet, quindi ho pensato che fosse giunto il momento di svelare alcuni dettagli del nostro progetto e mettervi al corrente di cosa bolle in pentola.

Ma prima di addentrarci sul nostro progetto, vi parlerò brevemente riguardo al vulnerabile sistema industriale e del perchè il mondo ha realmente bisogno di un approccio completamente differente da parte nostra.

More: L’Inermità dei Sistemi Industriali …

Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti al Blog

Più fastidioso dell’odore del gorgonzola: Gli scenari pericolosi possono provocare degli incubi. I Cinque Principali Casi di Sicurezza Informatica.

Ultimamente sono rimasto sorpreso da quante interviste sto avendo in programma ogni mese  con la stampa. Il totale cresce mese dopo mese, ma a volte nei mesi più pieni posso arrivare ad avere addirittura 70 interviste. E ciò contando solamente le interviste presenziali e quelle realizzate telefonicamente. Se dovessi contare anche quelle via email, il numero crescerebbe a dismisura.

Ma non mi lamento. A dire il vero proprio il contrario – Io amo le interviste! E ciò mi ricorda Richard Branson e la sua disinvoltura durante le interviste: “Se la CNN mi chiamasse e mi chiedesse di avere un’intervista, farei i salti mortali per essere intervistato.

La maggior parte delle interviste sono proprio come te le aspetti. Ricevi un sacco di domande e rispondi ad ognuna al meglio, tutto qui.

Ma in alcuni casi sono stato intervistato da un giornalista famoso, meticoloso fino al punto da risultare pignolo, che non sa solo tutto riguardo a me e Kaspersky Lab e di cosa ci occupiamo, ma conosce nei minimi dettagli anche l’argomento dell’intervista.

Quando finisco l’intervista mi sento esausto, la mia mente è pressochè logorata, e mi sento come se la mia anima fosse stata svuotata attraverso le lunghe risposte che ho dovuto dare alle domande sofisticate che mi sono state poste.

Queste sono le interviste più difficili ma anche le piì utili. Perchè? Il perchè risiede nel fatto che durante una sessione così intensa la materia grigia del tuo cervello lavora ad una veocità superiore, come se ingranasse due o tre marcie in più, pensando in nuovi modi di arrivare ad ottenere la risposta. Continua a leggere:Più fastidioso dell’odore del gorgonzola: Gli scenari pericolosi possono provocare degli incubi. I Cinque Principali Casi di Sicurezza Informatica.

Flame: il Virus che ha cambiato il mondo!

Non dimenticherò mai l’Oktoberfest del 2010 per tutto il resto della mia vita. Si, mi piace la birra, in particolare quella tedesca e specialmente quella dell’Oktoberfest. Ma i miei ricordi non sono legati alla birra, e non perché ne avessi bevuta troppa  🙂 E’ stato infatti in questa occasione che siamo venuti a conoscenza per la prima volta di una tendenza veramente spiacevole. Già, fu la prima volta che Stuxnet mostrò la sua faccia minacciosa – il primo malware creato con supporto statale e destinato a compiere una specifica missione militare. Questo fu precisamente quello di cui parlammo alla conferenza stampa dell’Oktoberfest 2010: “Benvenuti nell’era della guerra informatica!” Ed era già chiaro che Stuxnet sarebbe stato solo l’inizio.

In verità, poco è cambiato da quel Settembre ai giorni nostri. Tutti hanno una discreta idea sulla possibile origine di Stuxnet e di chi vi fosse dietro, nonostante nessuna singola nazione se ne sia assunta la responsabilità; di fatto, ogni nazione ne ha declinato la paternità quanto più fosse possibile. Un passo in avanti fu fatto verso la fine di Maggio quando scoprimmo un altro malware, che lasciava anch’esso sospettare circa le proprie origini ed i propri scopi militari.

Si, sto parlando di Flame. Continua a leggere:Flame: il Virus che ha cambiato il mondo!

Richiamo all’azione – Internet potrebbe diventare una zona franca militare

Qual è la differenza tra un missile nucleare ed un malware?

Non è una domanda trabocchetto – un malware può prendere il controllo di un missile, mentre un missile non può essere utilizzato per distruggere un malware. Con gli strumenti adeguati, un missile può essere dirottato da un malware ma con nessuna potenza di fuoco sarà mai possibile inibire un rogue software(falsi software di sicurezza).

A differenza delle armi tradizionali, il malware può riprodursi all’infinito. Inoltre, mentre un missile spesso può essere controllato con qualche artificio, il malware tende ad attaccare in modo indiscriminato: nessuno saprà mai in anticipo né di esserne colpito, né attraverso quali canali ed in che modo. Qualsiasi cosa può succedere attraverso le imprevedibili traiettorie del web, una volta che degli hackers abbiano lanciato un programma maligno per racimolare facilmente un po’ di denaro. E’ impossibile in questo caso prevedere quale sarà l’effetto, cosa potrebbe esserne intaccato per caso e se possa avere di riflesso anche un effetto boomerang che danneggi anche i suoi stessi creatori. L’uomo tende a commettere errori in tutto ciò che fa – e la scrittura di codici, la creazione di malware  (o altro), non fanno eccezione. Vi sono numerosi esempi di questo genere di “danni collaterali” – leggete il mio precedente post sulle sorti di Internet.

Nondimeno stiamo adesso assistendo a degli sforzi condivisi per combattere i cyber criminali.

L’industria della sicurezza informatica sta riunendo le forze contro di loro, coinvolgendo anche i pesci grossi come Microsoft. Anche diverse organizzazioni non commerciali ed intergovernative si stanno unendo alla causa. I Governi stanno iniziando ad intendere che Internet potrebbe trasformarsi in una autostrada per l’Inferno, e stanno iniziando a rispondere alla necessità di fare qualcosa al riguardo. Di conseguenza stiamo assistendo ad alcuni progressi. Continua a leggere:Richiamo all’azione – Internet potrebbe diventare una zona franca militare