Post del mese: novembre 2019

Cyber-notizie : Se Aramco avesse il nostro Antidrone…; e honeypot per combattere i malware dell’Internet delle Cose

Ciao amici!

Recentemente c’è stata una cyber-notizia dal lato oscuro di proporzioni gigantesche. Ne avrete sicuramente sentito parlare, visto che è stata su tutti i notiziari per giorni. Si tratta dell’attacco del drone all’Aramco saudita che ha fatto fuori milioni di barili di greggio al giorno e ha causato centinaia di milioni di dollari di danni.

Purtroppo, temo che questo sia solo l’inizio. Ricordate quei droni che hanno creato il caos a Heathrow qualche tempo fa? O era Gatwick?

Beh, si tratta di una progressione naturale di eventi. Ce ne saranno sicuramente altri. In Arabia Saudita, gli Houthis hanno rivendicato la responsabilità, ma sia i sauditi, sia gli Stati Uniti incolpano l’Iran, e l’Iran nega di essere responsabile. In breve, la solita dimostrazione di forza in Medio Oriente. Ma non è di questo che voglio parlare qui, si tratta di geopolitica, e noi non ne facciamo. No, quello di cui voglio parlare è che mentre si continua a puntare il dito, nel frattempo abbiamo trovato una soluzione per fermare attacchi di droni come quello di Aramco. Quindi, signore e signori, presento al mondo…il nostro nuovo Antidrone!

Allora, come funziona?

Il dispositivo elabora le coordinate di un oggetto in movimento, una rete neurale determina se si tratta di un drone e, se lo è, blocca la connessione tra esso e il suo telecomando. Come risultato, il drone o ritorna alla base o atterra immediatamente quando viene intercettato. Il sistema può essere fisso o mobile, ad esempio per l’installazione su un’automobile.

L’obiettivo principale del nostro antidrone è la protezione di infrastrutture di importanza elevata, come aeroporti, oggetti industriali e altre proprietà. L’incidente della saudita Aramco ha evidenziato quanto sia urgente e necessaria questa tecnologia per prevenire casi simili, e lo diventerà ancora di più: nel 2018 si calcolava che il mercato mondiale dei droni fosse di 14 miliardi di dollari; nel 2024 si prevede che sarà di 43 miliardi di dollari!

È evidente, quindi, che il mercato della protezione contro i droni impiegati per scopi dannosi crescerà molto (troppo) velocemente. Tuttavia, al momento, la nostra soluzione Antidrone è l’unica sul mercato russo in grado di rilevare oggetti tramite video utilizzando reti neurali, ed è il primo al mondo ad utilizzare la scansione laser per rintracciare la posizione dei droni.

Continua a leggere:Cyber-notizie : Se Aramco avesse il nostro Antidrone…; e honeypot per combattere i malware dell’Internet delle Cose

Crescita del 3000%

Facciamo un lavoro daaavveeero interessante.

Proteggiamo gli utenti, costruiamo un nuovo futuro sicuro e inseguiamo i cybercriminali di tutto il mondo. Allo stesso tempo, il “panorama” è in continua evoluzione, il che significa che non ci si annoia mai.

Sì, il “digitale” in questi giorni penetra anche nelle aree di attività più improbabili, remote e conservatrici dell’Homo sapiens e, ahimè, il mondo informatico sotterraneo e chi aizza le cyberguerre sono sempre lì che non portano nulla di buono. All’inizio degli anni 2000, sul palco degli eventi che si tenevano in tutto il mondo, ero solito dire scherzando che i frigoriferi “intelligenti” [sic] un giorno avrebbero avrebbero hackerato le macchine del caffé con attacchi DDoS. Dopo 15 anni, ci troviamo ad affrontare questa realtà. Capirete bene perché in questi 30 anni non mi sono mai annoiato.

Le minacce stanno cambiando, e lo stesso vale per il nostro business. Ad esempio, sapevate che lo scorso anno le vendite delle nostre soluzioni per infrastrutture industriali sono aumentate del 162%? E la crescita totale del nostro segmento NON-antivirus è stata del 55%? O che siamo l’unica grande azienda di sicurezza informatica a creare un proprio sistema operativo specifico basato su un’architettura sicura? E che lo stiamo già implementando in diversi campi come l’Internet delle Cose, le telecomunicazioni e l’industria automobilistica? O quanti progetti interessanti il nostro Growth Center ha fatto sì che siano sopravvissuti durante i loro primi mesi di vita? Ad esempio: la nostra piattaforma Polys blockchain per il voto online, la protezione contro i droni e il sistema IoT di Verisium per la verifica di prodotti autentici.

Ma non sono solo le nostre tecnologie e i nostri prodotti a cambiare. Anche i nostri modelli di business tradizionali stanno cambiando. Il ‘Box moving’ e il commercio al dettaglio sono divorati dal “digitale”, i progetti per grandi aziende stanno diventando sempre più personalizzati (attirando grandi integratori di sistemi ad ampia competenza), e il segmento delle PMI sta praticamente migrando in massa sul cloud.

E poi c’è l’ascesa cosmica del nostro business dell’xSP, vendite di soluzioni di protezione informatica praticamente per tutto quello che c’è online, siano essi servizi di telecomunicazione o Internet provider, servizi bancari, assicurativi e finanziari online…. e perfino community per videogiochi. E questo è un segmento di mercato molto promettente, semplicemente perché, secondo l’antica (!) verità, “chi detiene il traffico si assicura il cliente”. Inoltre, i clienti ottengono un servizio utile a un prezzo speciale, l’operatore prende il suo margine e noi ci prendiamo il nostro profitto. Vincono tutti. Quindi, avete capito adesso il titolo di questo post?

In sei anni, il nostro xSP è aumentato del 3000%, arrivando a oltre 30 milioni di dollari! Si tratta di circa il 10% delle nostre vendite B2C globali! Oh, le mie cifre di vendite lorde! Lavoriamo con più di 500 partner in tutto il mondo per l’xSP, inclusi grandi operatori globali e regionali come Telecom Italia, Orange, Sony Network Communications, Linktel, UOL e IIJ. Quello che facciamo è offrire un margine “appetitoso”, realizzare versioni white label dei nostri prodotti, integrarli con le piattaforme di automazione (ad esempio, CloudBlue  -alias Odin – e la Cloud Brokerage Suite di NEC), condurre attività di marketing congiunte e configurare l’assistenza tecnica. Ma non è solo un “trucco” che usiamo per ottenere maggiori profitti: se le nostre tecnologie e i nostri prodotti in fondo non fossero i migliori al mondo come dimostrato ripetutamente e costantemente, in test indipendenti, non sono sicuro che gli xSP ci darebbero così tanti benefici.

Sempre a proposito di xSP, di recente c’è stato il nostro Kaspersky xSP Summit a Roma. Si tratta di un appuntamento annuale con i partner, e quest’anno abbiamo avuto ospiti provenienti da ben 32 paesi, tra cui Brasile, Germania, Italia, Giappone, Russia, Corea del Sud e Stati Uniti. Abbiamo fatto un ripasso dell’anno, abbiamo chiacchierato, parlato di future tecnologie e prodotti, discusso le prospettive di progetti comuni, abbiamo fatto brainstorming e scambiato esperienze pratiche. In breve, come sempre affari, più una ricarica delle nostre batterie per i prossimi 12 mesi fino al prossimo summit.

Continua a leggere:Crescita del 3000%

Foto di Flickr

Instagram