Tag: brevetti

Bilancio del 2022: anche i brevetti stanno arrivando!

Inventare nuove tecnologie all’avanguardia è solo una parte del nostro lavoro. Aspettate, no: non va bene essere così categorici…

Una nuova tecnologia all’avanguardia e rivoluzionaria comporta un processo di creazione probabilmente molto più complesso e lungo di quanto molti possano immaginare. Certo, senza invenzioni non c’è progresso, ma senza il lungo processo di creazione che ne consegue, anche la più straordinaria tecnologia rivoluzionaria rischia di fallire prima ancora di decollare, e non potrà mai aiutare l’umanità come avrebbe potuto. Inoltre, l’invenzione potrebbe rischiare di finire nelle mani dei cosiddetti “consumer champion” o dei “patent troll“.

Tra le tante funzioni aziendali che si occupano del citato processo di creazione di una nuova tecnologia c’è anche quella del brevetto. Perché, ahimè, vige il sistema per cui, se la nuova tecnologia non è brevettata, non si ha alcun diritto su di essa, anche se la si è inventata! La storia è piena di esempi di questo tipo: la macchina del karaoke, le strisce magnetiche sulle tessere di plastica, i fidget spinner, per citarne alcuni.

Quindi, il brevetto. Si dà il caso che non sia il più semplice o il più accessibile dei processi aziendali, e che richieda molte competenze e molti soldi, soprattutto se si tratta di un’impresa internazionale. Ma questo non lo rende meno necessario. E poiché la nostra attività qui a K si è sempre basata sulle nuove tecnologie, non appena i nostri profitti lo hanno permesso, ci siamo subito lanciati nella gestione dei brevetti: nel 2008 abbiamo ottenuto il nostro primo brevetto. Da allora, a poco a poco, abbiamo continuato ad ampliare le nostre competenze in materia di brevetti, nei limiti del possibile e nel corso degli anni. E del resto, è giusto così…

Più l’attività aveva successo e più ci espandevamo in tutto il mondo (spesso i patent troll ci inseguivano in cerca di soldi facili). Inoltre, concorrenti senza scrupoli, pur disponendo di tecnologie che difficilmente potevano competere con noi in termini di qualità, non erano comunque contenti di permettere ai clienti di utilizzare i nostri prodotti. In totale, siamo stati coinvolti in 10 azioni legali in materia di brevetti; ne abbiamo vinte nove, mentre una è attualmente in fase di valutazione. Perché non ci arrendiamo mai. Combattiamo e vinciamo!

Quadro generale

Gli anni della pandemia e le attuali turbolenze geopolitiche hanno ovviamente influito negativamente sul nostro business nel suo complesso, con un effetto a catena sul nostro lavoro in materia di brevetti, anch’esso in calo. E sia gli eventi passati che quelli attuali sembrano destinati a riecheggiare nel futuro per anni. Tuttavia, questo non è un motivo per stare con le mani in mano fino a quando le cose non miglioreranno; al contrario, giustifica la necessità di andare a tutto gas spingere ancora di più sull’acceleratore! Ed è proprio quello che abbiamo fatto nel 2022 (se volete sapere di più 2021 qui), nonostante tutto. Permettetemi di tracciare un bilancio…

Abbiamo concluso l’anno scorso con un portfolio di 1367 brevetti e 330 domande di brevetto in diversi paesi (tra cui Stati Uniti, UE, Russia e Cina). Nel 2022, abbiamo ottenuto 123 nuovi brevetti (tra cui 51 negli Stati Uniti, 37 in Russia, 24 in Cina e 9 nell’UE) e presentato 58 domande di brevetto. Ma non concentriamoci solo sulla quantità. Osserviamo anche la qualità: ci sono stati concessi brevetti per circa il 98% di tutte le nostre richieste di brevetto (in alcuni paesi il 100%!), mentre la media mondiale delle aziende si aggira intorno al 50%. Ottimo!

Il nostro quadro complessivo dei brevetti si presenta così:

Continua a leggere:Bilancio del 2022: anche i brevetti stanno arrivando!

I nostri brevetti del 2021 in rassegna: il maggior numero di brevetti negli Stati Uniti, e molti altri anche in tutto il mondo

Ciao gente!

Devo semplicemente condividere questa buona, anzi meravigliosa notizia: abbiamo ottenuto il maggior numero di brevetti di qualsiasi azienda di origine russa negli Stati Uniti nel 2021! E siamo stati un vero fenomeno di tendenza, perché nel 2021 c’è stato un calo del 7,5% nel numero di brevetti registrati nel paese.

Nell’analisi annuale della classifica dei brevetti pubblicata da IFI Claims Direct, Kaspersky è stata nominata la prima azienda russa brevettata negli Stati Uniti con 43 brevetti pubblicati nel 2021. Nel corso della sua storia l’azienda ha ricevuto 412 brevetti solo negli Stati Uniti, con più di 1200 brevetti in tutto il mondo, tra cui Russia, UE, Cina e Giappone.”

// Comunque: nonostante il calo generale del numero di brevetti rilasciati l’anno scorso, quelli rilasciati per il machine learning e il quantum computing sono aumentati. Questo è solo un rapido promemoria, nel caso non ne foste a conoscenza, di dove questo mondo moderno si sta dirigendo).

Un grande ringraziamento da parte mia a tutto il team del nostro dipartimento IP. Sempre lavorando duramente, lavorando in modo intelligente, e lavorando con successo (ricordate le vittorie contro i patent troll, e le vittorie antitrust contro Microsoft e Apple?) E un grande ringraziamento anche ai nostri sviluppatori che hanno inventato le nostre tecnologie che battono il mondo in primo luogo – e non è un’iperbole di marketing senza senso: la nostra tecnologia vince nei test indipendenti più di qualsiasi altra. Oh yeah!

Questa super notizia sui nostri brevetti mi ha fatto pensare… Perché non diamo un’occhiata più da vicino ai nostri successi di brevetto del 2021, non solo quanti, ma anche quali, dove, come e quando? Sì, perché no? Dopo tutto, i miei post sui brevetti in passato sono stati popolari. Sarà anche un bel complemento alla mia rassegna del 2021

Va bene. Ci siamo!…

Nel 2021 abbiamo ottenuto 137 brevetti e ne abbiamo richiesti altri 76. Questo porta il nostro totale a 1240 brevetti e 392 domande. Ecco queste cifre aggiunte al nostro grafico storico dei brevetti:

Ecco la situazione della nostra attività brevettuale dell’anno scorso:


Ed ecco i totali del nostro portfolio e la diffusione geografica complessiva:

Ora diamo un’occhiata ai principali sotto-settori che i nostri brevetti coprono (il settore è la cybersecurity nel suo complesso) ->
(*) CIP = Protezione delle infrastrutture critiche

Quindi, cosa c’è da sottolineare?

In primo luogo, che l’AI machine learning è una tendenza globale. E non solo nei portfolio di proprietà intellettuale, ma nella tecnologia in generale. L’apprendimento automatico in un certo senso ingigantisce la conoscenza esperta degli esseri umani; aggiunge un sollevamento pesante, ad alto volume, che gli esseri umani da soli non sarebbero mai in grado di fare nei tempi brevi che i computer riescono a fare. Quindi è la competenza umana + apprendimento automatico + Big Data (ossia, HuMachine) che forma la sinergia che ti protegge da più di 380.000 nuovi programmi dannosi ogni giorno! In secondo luogo, l’Internet delle Cose (IoT) e la protezione delle infrastrutture critiche (CIP). Il primo si sta sviluppando a una velocità pazzesca, vedendo case, bollitori, aspirapolvere, frigoriferi, ecc, ecc, tutti collegati a Internet. La cybersecurity spesso passa in secondo piano nella progettazione del kit IoT, quindi interveniamo per aiutare a rendere sicuro il tutto. C’è una situazione simile con il CIP, ma per una ragione diversa: per esempio, i sistemi di automazione industriale legacy si stanno connettendo a Internet, ma con una marcata riluttanza a introdurre la cybersecurity allo stesso tempo, a causa di un conservatorismo innato (se funziona, non toccarlo).

E infine, ci sono altre due direzioni interessanti sul grafico. C’è la tecnologia antidrone, il nuovo e molto promettente business di tenere a bada i fastidiosi droni. E c’è l’anti-ransomware: mentre il resto dell’industria della cybersecurity sta facendo in modo abissale nella lotta contro questo flagello (in grado di proteggere solo contro il 50% dei ransomware, se è così, come dimostrato in test indipendenti), noi non potremmo fare meglio, letteralmente (100%!). Quindi forse non è una sorpresa che abbiamo già 13 brevetti nel nostro portafoglio e 17 brevetti in sospeso per le tecnologie ransomware. E ce ne saranno altri!

In conclusione, brevi descrizioni dei brevetti pionieristici più interessanti che abbiamo registrato nel 2021 (e comunque: la ‘hit-parade’ del 2020 è proprio qui).

US11175976: “Sistema e metodo di generazione di dati per il monitoraggio di un sistema cyber-fisico per la determinazione precoce delle anomalie”. Questa tecnologia può essere applicata anche al di fuori dei limiti della sicurezza informatica, per garantire la continuità dei processi produttivi nel loro complesso. Fondamentalmente aiuta a prevedere errori o azioni non autorizzate nei sistemi cyber-fisici. Maggiori dettagli su questa tecnologia, che noi chiamiamo MLAD, qui.

US11170103: “Metodo di rilevamento dei file dannosi che resistono all’analisi in un ambiente isolato”. Analisi comportamentale avanzata legata alla sandbox su una macchina virtuale. Questa tecnologia “under the hood” è utilizzata nelle nostre soluzioni sandbox, KATA, e EDR/MDR.

US11005880: “Sistema e metodo per bloccare un attacco informatico su un mezzo di trasporto“. Dal momento che le auto al giorno d’oggi sono più computer che automobili (ricordate Die Hard 4?!), le loro ECU devono essere protette, è la tecnologia a farlo.

E questo è tutto per il vostro aggiornamento K-brevetti-2021, gente. Restate al sicuro e protetti, e questo vale anche per i vostri dispositivi digitali, che siano in tasca, in auto o in azienda!

Foto di Flickr

  • RMS Queen Elizabeth 2
  • RMS Queen Elizabeth 2
  • RMS Queen Elizabeth 2
  • RMS Queen Elizabeth 2

Instagram Photostream

Le Top-5 K-tecnologie che ci hanno fatto entrare nella Top-100 Global Innovators

Ce l’abbiamo fatta di nuovo! Per la seconda volta siamo stati inseriti nella Top 100 Global Innovators di Derwent, una prestigiosa lista di aziende globali redatta sulla base dei loro portfolio di brevetti. Dico prestigiosa, perché nella lista siamo in contatto con aziende come Amazon, Facebook, Google, Microsoft, Oracle, Symantec e Tencent; inoltre, la lista non è solo una selezione di aziende apparentemente forti dal punto di vista brevettuale: è formata sulla base del titanico lavoro analitico della Clarivate Analytics, che la vede valutare più di 14.000 (!) aziende candidate su ogni tipo di criterio, di cui il principale è il tasso di citazione, alias “influenza”.

Entrando maggiormente in dettaglio, il tasso di citazione è il livello di influenza delle invenzioni sulle innovazioni di altre aziende. Per noi, è la frequenza con cui gli altri inventori ci citano nei loro brevetti. Ed essere menzionati formalmente nel brevetto di un’altra azienda significa che si è arrivati a qualcosa di nuovo e genuinamente innovativo e utile, che aiuta il loro “qualcosa di nuovo e genuinamente innovativo e utile”. Naturalmente, un sistema così consolidato di riconoscimento degli altri innovatori, non è il posto adatto per coloro che escogitano semplici brevetti di BS. Ed è per questo che nessuno di questi si avvicina a questa Top-100. Nel frattempo, noi siamo proprio lì, tra le prime 100 aziende innovatrici globali che fanno veramente progredire il progresso tecnologico.

Wow, che bella sensazione. È come una pacca sulla spalla per tutto il nostro duro lavoro: un vero riconoscimento del nostro contributo. Evviva!

Sono ancora in fibrillazione, è incredibile! Da tutto questo, per curiosità, mi sono chiesto quali, cinque, delle nostre tecnologie brevettate sono le più citate, le più influenti. Così ho dato un’occhiata. Ed ecco cosa ho trovato…

Continua a leggere:Le Top-5 K-tecnologie che ci hanno fatto entrare nella Top-100 Global Innovators

Ottimo lavoro

Il mese scorso è stato molto positivo per la proprietà intellettuale targata Kaspersky. È stato davvero bello ricevere buone notizie che ci hanno rallegrato questo mese di marzo molto complicato.

Ma abbiamo avuto anche altri mesi molto buoni da questo punto di vista…

A settembre dello scorso anno, per il secondo anno consecutivo, siamo stati inseriti nella Top 100 Global Innovators di Derwent: siamo la prima (e unica) azienda russa a essere entrata nell’elenco (meticolosamente studiato) delle 100 compagnie più innovative al mondo! Evviva!

Qualche informazione in più su questa classifica. Ogni anno la compagnia indipendente statunitense Clarivate Analytics indica le aziende più innovative al mondo in base alla qualità del proprio portfolio di brevetti. In particolare, Clarivate seleziona le 100 aziende della sua classifica seguendo questi quattro criteri: Continua a leggere:Ottimo lavoro

Altre buone notizie dal fronte della proprietà intellettuale

Non ho potuto fare a meno di notare che le ultime notizie che abbiamo ricevuto dai nostri legali esperti in materia di brevetti sono state delle grandi vittorie! 😊 E sono contento di poter continuare a dare buone nuove, annunciandovi un’altra importantissima vittoria che abbiamo ottenuto solo pochi giorno dopo dall’ultima…

Ancora una volta abbiamo avuto la meglio in un’importante causa sui brevetti. Questa volta ci opponevamo a Uniloc (la stessa Uniloc che è riuscita a spillare 388 milioni di dollari alla Microsoft). Dovreste sapere che nel 2018 già ci avevano fatto causa per lo stesso brevetto, ma siamo riusciti a uscirne vincitori.

Di recente, durante la fase di negoziazione riguardante un’altra causa per violazione di brevetto intrapresa da Uniloc, abbiamo ricevuto un messaggio dai rappresentanti della compagnia in cui affermavano di essere stanchi di combattere ed erano pronti a finirla lì. Ovvero voleva dire che erano disposti a chiudere la causa se anche noi lo eravamo. E naturalmente eravamo disposti, ma solo senza compromessi e in poco tempo. E così abbiamo redatto un comunicato congiunto sul momento per “archiviazione senza appello” (“dismissal with prejudice”), il che vuol dire che non si potranno più intraprendere ulteriori azioni per la stessa causa.


Continua a leggere:Altre buone notizie dal fronte della proprietà intellettuale

La fine del principio della lotta ai patent troll

Durante gli scorsi mesi di agosto e settembre, per la maggior parte del tempo sono stato costretto a “lavorare da casa”, cosa che di solito non faccio mai. Non potendomi dedicare ad andare in giro per lavoro o per piacere, ho avuto molto più tempo a disposizione del normale e così ho potuto dedicarmi alla lettura, e ho letto molto. Come al solito, mi sono imbattuto in molte cattive notizie ma, ogni tanto, ci sono notizie molto buone. In particolare, c’è una buona eccellente notizia sul fronte della lotta ai patent troll: un tribunale del Texas ha respinto l’azione legale che Uniloc aveva intrapreso contro di noi per violazione del brevetto US5490216. Brevetto che, agli inizi degli anni 2000, ha seminato il terrore tra le aziende IT, che ha fatto venire i capelli bianchi a molti avvocati specializzati in brevetti e che ha alleggerito senza pietà i portafogli di oltre 160 aziende (160!), tra cui anche giganti come Microsoft o Google.

Ma le ottime notizie non finiscono qui!

Lo sforzo congiunto dell’intero settore IT ha portato all’invalidamento del brevetto IT; ma non è solo questa notizia che merita grandi festeggiamenti, è soprattutto il fatto che questo invalidamento porterà a un cambio importante (necessario, purtroppo, da tempo) nel sistema brevetti statunitense. È vero, sarà un cambiamento lento ma comunque inesorabile, e comunque lentamente è sempre meglio di nulla, soprattutto quando certi cambiamenti hanno una certa importanza a livello globale: almeno l’industria IT potrà togliersi di dosso i parassiti dei brevetti, che non fanno altro che succhiare il sangue ostacolare lo sviluppo tecnologico.

La ruota non solo ha iniziato a girare ma anche a scendere velocemente lungo la collina: gli sviluppatori stanno acquisendo maggiore libertà in ciò che fanno perché protetti dalle idiozie di questi proprietari di brevetti che riguardano idee astratte e a volte piuttosto ovvie, che nella pratica non vengono applicate o che vengono utilizzate per spremere denaro agli sviluppatori di tecnologie simili. Insomma, la storia del brevetto …’216 potrebbe essere letta come una sorta di thriller emozionate, e per questo quasi quasi tornerò a raccontarla, affinché possa intrigarvi di nuovo.  Preparate un caffè (o dei popcorn, meglio) e mettetevi comodi per ascoltare una storia che riguarda i parassiti dei brevetti e che vi farà mordicchiare le unghie per la tensione (per non parlare ai patent troll…).

Continua a leggere:La fine del principio della lotta ai patent troll

Che la lotta abbia inizio!

La prevenzione è la migliore cura. E questo vale anche per i patent troll.

È con questa idea nella mente che abbiamo deciso di fare causa a Device Security LLC e richiedere l’invalidazione di un loro brevetto relativo a una tecnologia che si occupa della protezione dei dati sui dispositivi mobili. Siamo in guerra con i troll da circa 8 anni, ma questa è la prima volta che sferriamo un attacco preventivo.

Continua a leggere:Che la lotta abbia inizio!

“Vivere vuol dire combattere contro i troll”*

La nostra euforia per la recente vittoria sui patent troll si è già attenuata. È stato davvero bello leggere buone notizie (come questa, questa, questa, questa e questa) e tutti i commenti incoraggianti degli utenti. Tuttavia, in realtà, la battaglia è appena cominciata, davanti a noi c’è ancora un sacco di lavoro da fare – un sacco, davvero! Facciamo dunque il punto della situazione.

Continua a leggere:“Vivere vuol dire combattere contro i troll”*

I patent troll possono essere sconfitti: non dobbiamo mollare mai!

Evviva! Urrà! Campane a festa e squilli di tromba! Siamo orgogliosi di annunciare questa grande notizia: abbiamo sferrato un duro colpo a un altro patent troll statunitense! Il nemico è stato sconfitto e, demoralizzato, si è dato alla fuga. Aveva proprio ragione Churchill quando diceva “Non ci arrenderemo mai!”. Il nostro troll ha gettato la spugna ed è scappato con la coda fra le gambe.

Stupore, felicità, gioia, adrenalina pura… una sensazione unica

In questo modo ha descritto la vittoria N.K, il nostro Chief Intellectual Property Counsel che si è occupato del caso. Per la prima volta è stato battuto uno dei pesi massimi dei troll, che ha “collegamenti” di un certo spessore.

Causa contro i patent troll

È proprio vero, stiamo provando un mix di stupore, felicità, gioia e adrenalina, non potrei essere più d’accordo. Il nostro caso, portato in tribunale ben 18 mesi fa, contro Lodsys (uno dei tentacoli di Intellectual Venture (“IV”) appartenente al più grande patent troll del mondo) aveva subìto un brusco arresto in quanto molte aziende hanno poi capitolato alle richieste di questi parassiti. Come al solito, abbiamo vinto ancora una volta da soli, 54 compagnie hanno deciso di venire a patti con gli estorsori, o altre hanno semplicemente abbandonato il campo di battaglia. In questo processo sono state coinvolte oltre 400 compagnie IT!

Adesso spieghiamo un po’ come è andata…

Continua a leggere:I patent troll possono essere sconfitti: non dobbiamo mollare mai!

La vendetta è un piatto servito freddo… ai troll

La vendetta è un piatto che va servito freddo – molto freddo. Ma presto o tardi, il piatto verrà servito. E a chi è destinato? A quei personaggi sgradevoli e meschini: i “patent troll” (società che brevettano tecnologie per poi denunciare le aziende e chiedere in cambio ingenti somme di denaro).

In questa sede, ho già parlato approfonditamente dei troll e delle misure necessarie per combatterli.

Lasciatemi dunque fare un breve riassunto circa quello che andrebbe fatto:

  • Limitare l’uso dei brevetti – istituire un periodo all’interno del quale è vietato inviare un reclamo.
  • Istituire una compensazione obbligatoria delle spese del processo all’imputato quando vince la causa  o quando viene ritirata l’accusa;
  • Bandire i “patent aggregators” che intraprendono azioni legali;
  • Maggiore chiarezza e accuratezza nelle descrizioni dei brevetti e un esame tecnico obbligatorio;
  • Infine (la cosa più importante), non brevettare idee, ma tecnologie che abbiano una ripercussione pratica concreta.

Qualche volta ho l’impressione che i legislatori statunitensi leggano il mio blog. Perché? Da quando ho iniziato a denunciare questi abusi, (finalmente) qualcosa si sta muovendo. Nello stato del Vermont è infatti entrata in vigore la prima legge anti-troll.

Sono molti i punti interessanti di questa legge; ma quello che mi piace di più è che ora l’azienda accusata, se riesce a provare che il troll non ha agito in buona fede, può richiedere all’ “azienda-troll” un rimborso di tutte le spese processuali.

Continua a leggere:La vendetta è un piatto servito freddo… ai troll