Skip to content

Atsonupuri, l’Aston Martin dei vulcani

Le Curili sono isole vulcaniche. Sulle 56 isole che compongono l’arcipelago ci sono 68 vulcani, 36 dei quali ancora attivi.

Ci sono alcuni piccoli vulcani alti fino a due chilometri situati proprio al di sotto dei vulcani “veri”. Durante la nostra spedizione abbiamo scalato e attraversato sette vulcani, macinando circa sei chilometri spostandoci sull’asse x e un centinaio sull’asse y. Abbiamo conquistato la cima dei seguenti vulcani: Ebeko, Krenitsina, UshishirZavaritskovoAtsonupuriTyatya, e Mendeleyeva.

Per fortuna erano vette che si potevano scalare facilmente; a volte erano necessari tempi lunghi ed erano scalate a tratti noiose, ma mai troppo difficoltose. Bisognava solo prendersela con calma e senza preoccupazioni, fare lavorare i polmoni a pieno regime , sudare un pochettino  e, senza neanche accorgersene, eravamo in cima dopo neanche tre o quattro ore.  E ne valeva davvero la pena: la bellezza del paesaggio, la natura selvaggio e la felicità allo stato puro. Meraviglia interna ed esterna della caldera o del cratere. Poi si trattava di fare qualche foto e riscendere. Era questa la rotuine la maggiorn parte delle volte, eccetto nel caso del vulcano Atsonupuri, sull’isola di Iturup.

Atsonupuri volcano

Atsonupuri volcano Continua a leggere: Atsonupuri, l’Aston Martin dei vulcani

Alla scoperta dei nostri prodotti 2015

Noi di Kaspersky Lab abbiamo una tradizione (oltre alla festa di compleanno estiva e ai festeggiamenti del Nuovo Anno). Ogni estate lanciamo una nuova versione dei nostri prodotti per utenti privati. Ed eccoci qua, siamo già alla fine dell’estate, no? (Ma come! Di già?!) Permettetemi dunque di darvi alcune delucidazioni sulle caratteristiche principali delle nostre nuove versioni 2015 oppure, detta in un altra forma, sui nuovi modi per acchiappare i cybercriminali :)

Si alzi il sipario…

Continua a leggere: Alla scoperta dei nostri prodotti 2015

Risposta alla domanda fondamentale sulla vita, l’universo e tutto quanto

Molti di voi sanno che la risposta alla domanda fondamentale sulla vita, l’universo e tutto quanto è 42. Ma nessuno, NESSUNO, compreso Douglas Adams , colui che si è occupato della domanda fondamentale sulla vita e della sua risposta, sa perché è 42 e non 17, 41 o 43. Prima neanche io sapevo ma ora sì. E non crederete mai alla spiegazione…

Devo dire che non stavo cercando la risposta a tale quesito ancestrale, è la risposta che ha trovato me. In un fiume caldo dell’isola di Iturup!

Ebbene, la risposta alla domanda fondamentale sulla vita, l’universo e tutto quanto è 42, la temperatura dell’acqua di questo magico fiume.

The ultimate question Continua a leggere: Risposta alla domanda fondamentale sulla vita, l’universo e tutto quanto

Isola n. 16: Simušhir

Ecco altre avventure dalle Isole Curili

La nostra spedizione si è sviluppata praticamente in questo modo: nuova giornata, nuova isola. In 18 giorni abbiamo visitato 12 isole (se includiamo anche Sachalin). Ogni giorno un nuovo percorso, nuovi panorami mozzafiato, nuove e fantastiche esperienze.

La giornata normalmente iniziava con i nostri gommoni che si fermavano su una nuova costa sconosciuta. A volte si trattava di un’operazione facile, altre una vera e propria epopea. Mare agitato, pioggia e vento, adrenalina alle stelle (e cortisolo). In certe giornate, giungere a riva era già di per sé un’avventura epica che festeggiavamo nella maniera adeguata una volta accampati.

Quando il tempo era clemente, la giornata si faceva più rilassante sia in barca che sull’isola. E la giornata trascorsa a Simušhir è stata una di queste.

Simushir, Kuril Islands Continua a leggere: Isola n. 16: Simušhir

Isola n.14: Usisir

Solo un mese fa non ero a conoscenza del posto più incredibile, affascinante e “fotogenico” del pianeta, ma ora lo conosco. Il luogo di cui vi sto parlando si chiama Ušišir.

Vi chiederete, “Ušišir? Ma di che cosa si tratta? Un parente lontano dello Yorkshir? Una contea nascosta della Terra del Mezzo?”

No, siete fuori strada. Si tratta di un vecchio vulcano la cui caldera è esplosa ed è precipitata a livello del mare… un baia vulcanica.

La vista più bella la si può ammirare dalla vetta della caldera, ma anche la stessa baia è spettacolare. Ci sono un sacco di onde che provengono da entrambi i fronti, sia dall’Oceano Pacifico che dal Mare di Okhotsk. Si tratta di un luogo dove vi potete semplicemente sedere e osservare il panorama circostante per ore ed ore. Più in alto arrivate, migliore sarà la vista. Vi assicuro che la scalata ne vale davvero la pena.

Kuril islands, Ushishir

Photoshop? No, non ce n’è bisogno. Beh, forse solo un pochino.

Continua a leggere: Isola n.14: Usisir

Rompicapi: 26 agosto 2014

Lo scorso luglio Kaspersky Lab ha compiuto 17 anni! Abbiamo festeggiato l’ultimo anno dell’adolescenza come si deve.

Ci sono stati molti eventi degni di nota durante la giornata, ma il mio preferito è stata la versione KL del quiz show famosissimo in Russia “Che cosa? Dove? Quando?” con il vero presentatore, l’altrettanto famoso Maxim Potashyov! Alcune domande erano così difficili che anche Wikipedia sarebbe stata in seria difficoltà.

Beh, almeno abbiamo tenuto un po’ il cervello in allenamento.

A proposito, abbiamo anche lanciato la nostra pagina Global Think Test. Nell’area Brain Training Zone ci sono decine e decine di test per mettere a prova le proprie capacità verbali, numeriche e logiche, domande create in collaborazione con Mensa, la più antica associazione a livello mondiale che raggruppa le persone con un elevato quoziente intellettivo.

È ora di mettere alla prova le nostre capacità di calcolo e di ragionamento, forza!

Vediamo come ve la cavate con alcune delle domande del presentatore Potashyov… ecco dieci delle più difficili.

Continua a leggere: Rompicapi: 26 agosto 2014

L’uomo che vive ad alta quota

Poco tempo fa, io e il mio compagno di avventure A.Sh. abbiamo sorvolato Baghdad durante il nostro  viaggio sull’Etihad EY53 che da Abu Dhabi ci portava a Ginevra. A.Sh è riuscito a dormire, mentre io no, e così ho avuto il tempo di scattare qualche foto:

Super fly guy Continua a leggere: L’uomo che vive ad alta quota

Mumbairport

Continuiamo con l’argomento aeroporti

Accipicchia! Questo sì che un aeroporto ultramoderno e ampio come una grossa caverna. Sembra più un museo che un aeroporto. Tutto pulito e scintillante. Comunque non è tutto oro quel che luccica.  È un aeroporto lento e scomodo. So che ce la stanno mettendo tutta, ma c’è ancora molta strada da fare per offrire ai clienti dei servizi migliori. “Hanno ricostruito l’aeroporto, ma non credo che saranno i passeggeri ad utilizzCharlo”, ha propriamente commentato A. Sh.

Passiamo a rassegna, però, i punti positivi (pochi, purtroppo): hanno creato una business lounge davvero carina e spaziosa, il cibo è delizioso, molto meglio dei soliti panini e delle noiose torte. E anche le bevande non erano affatto male! J Hanno un Wi-Fi facile e veloce da usare come qualsiasi altro aeroporto del mondo? NO!

Il Wi-Fi qui è cosi leeeento e il sistema invia in continuazione un SMS al cellulare per “conferma per questioni di sicurezza”. Mi spiace, non ho bisogno di usare un Wi-Fi di questo tipo. Così abbiamo deciso di cenare come Dio comanda. Che bontà… Se servissero dei piatti così deliziosi in tutti le business lounge, non mi importerebbe della connessione Internet. Certo, dopo un po’ farei fatica ad abbottonarmi i pantaloni…

Mumbai airport

C’è sempre qualcuno che attraversa la strada dove non dovrebbe, anche se ci sono le strisce a due metri!

Continua a leggere: Mumbairport

Non andate di fretta a Chek Lap Kok

Dal momento che viaggio in lungo e in largo per il mondo, ho toccato le destinazioni più diverse e, di conseguenza, sono stato in tantissimi aeroporti.   Ho pensato che forse dovrei fare una sorta di elenco degli aeroporti migliori del mondo. O, di contro, potrei fare la lista opposta, ovvero degli aeroporti peggiori!

Sì, il “vecchio” terminal di Sheremetevo (F) sarebbe sicuramente il primo della lista tra i peggiori! Ma oggi voglio parlarvi di aeroporti che mi hanno colpito positivamente. Di recente sono stato in quello che è il mio preferito in assoluto: l’Aeroporto Internazionale di Hong Kong, noto anche come Chek Lap Kok.

Hong Kong airport Continua a leggere: Non andate di fretta a Chek Lap Kok

Battuto dal miglior battitore di cricket

Mi sono sempre chiesto perché il golf non sia popolare in Russia o, che ne so, il rugby o il cricket. Perché questi sport,  con milioni di giocatori e miliardi di fan, sono a stento conosciuti in Russia?

Dopo averci pensato un po’, credo di essere giunto a una risposta, che è anche piuttosto semplice! In Russia il clima è invernale per metà dell’anno. Non sarebbe facile cercare una pallina bianca nella neve immacolata. Ricordo di aver giocato a hockey su ghiaccio da giovane e spesso il disco andava a finire in un cumulo di neve. Passavamo più tempo a ritrovare il dischetto che a giocare. Ma si trattava di hockey su ghiaccio, che non sarebbe tale se non ci fosse, appunto, il ghiaccio o la neve. Per quanto riguarda gli altri sporti che prevedono l’uso di una pallina, quelli per i quali si deve giocare per strada o in giardino, beh, in Russia non è possibile, ed è per questo che non hanno tanta popolarità.

In India è tutta un’altra storia!

Per un indiano la neve è qualcosa di inusuale, che si vede solo nei telegiornali o nei film. È qualcosa a cui non pensano, così come accade per il golf in Russia. Però in India è anche raro vedere dei ragazzi che giocano a calcio, cosa che avviene invece spessissimo nel resto del mondo. No, qui si pratica una sport insolito (e non solamente in Russia), qui si gioca a cricket.  Ebbene sì, in India il cricket è molto più popolare del calcio, fenomeno davvero strano per chiunque. Di conseguenza, è normale che il più popolare giocatore di cricket, Sachin Tendulkar, qui sia stato soprannominato “Il dio del cricket”.

Ovunque vada, il suo nome viene acclamato tra applausi e manifestazioni di entusiasmo, tutti vogliono farsi una foto con lui.

La settimana scorsa a Mumbai ho visto veri e propri momenti di commozione al suo arrivo. Sachin è da tempo amico e partner di Kaspersky Lab,  da anni è nostro “ambasciatore” in India e nei paesi limitrofi.

Mi trovavo in India per la presentazione della nuova versione di KIS 2015 e anche per promuovere il nostro programma educativo che mira a proteggere i bambini e i ragazzi nelle scuole indiane dal cybercrimine. Ovviamente ci sono state le solite interviste, presentazioni, foto… ma stavolta le cose erano un po’ diverse proprio per la presenza della superstar del cricket! Devo dire che ci siamo davvero divertiti. Non so come faccia a sopportare ogni giorno tutta questa attenzione da parte della gente e dei media.

Nonostante la nostra collaborazione duri da molti anni, è stata la prima volta che ho avuto l’occasione di conoscerlo di persona, e devo dire che è stato un piacere oltre che un onore. Mi sono divertito molto a scambiare con lui qualche tiro e poi siamo andati a pranzo.

Continua a leggere: Battuto dal miglior battitore di cricket