Tag: cibo

Fine settimana vulcanico

Vulcanismo. Uno dei miei hobby. Adoro scalare i vulcani del mondo. C’è un qualcosa nella loro bellezza, potenza, vandalismo, infamia, vitalità, calore, lava, crateri, caldere, laghi…insomma, avete capito.

Ma c’è una cosa del vulcanismo che può essere un po’ una sofferenza: generalmente si ha bisogno di diversi giorni (se non diverse settimane) per scalarne uno per bene. Questo perché i vulcani tendono ad essere enormi, inaccessibili e spesso ce ne sono diversi nella stessa zona. Poi però ho sentito parlare del Monte Aragats: la quinta essenza del “fine settimana vulcanico”.

Eccolo. Come potete vedere, non è distante dalla capitale dell’Armenia (quindi non è “inaccessibile” e non può essere considerato un ostacolo al vulcanismo). È grande e ha più di una cima, questo spiega perché si abbia bisogno di oltre una settimana. Ma bando alle ciance, guardate le foto:

Si tratta di un vulcano molto vecchio: abbastanza rovinato durante i millenni; ma questo è solo metà del suo incanto.

Ha quattro cime, la più alta raggiunge i 4090 metri sopra il livello del mare. Ecco quella cima:

armenia-aragats-volcano-7 Continua a leggere:Fine settimana vulcanico

Presentando il KasBar

Ciao a tutti!

Ahh, luglio! Ci sono sempre cose da fare a KL prima della pausa d’agosto, quando molti di noi entrano in ferie, incluso io! Abbiamo festeggiato il nostro compleanno e adesso stanno avvenendo molte cose in azienda, ma non parlerò di questo adesso. Parliamo dell’ultimo evento di luglio: l’inaugurazione (finalmente!) del ristorante aziendale nella nostra sede! Si chiama BarKas. Sì. Il “bar” di “Kaspersky”. Abbiamo deciso di chiamarlo “bar“, sebbene sia più un ristorante, perché rappresenta il vero spirito di KL, informale e rilassato, come un bar, ma più bello.

L’abbiamo chiamato così anche perché “Ristorante-Kas” non era molto adeguato. Inoltre, è un nome curioso perché in russo la parola “barkas” significa pedalò. “È perfetto” abbiamo pensato :).

 I “beta test” del pedalò sono stati a marzo di quest’anno. Proprio qualche giorno fa sono state aperte le porte al pubblico (non si tratta solo di una specie di mensa per gli impiegati di KL), e credo che siamo inclusi anche noi (quindi abbiamo deciso di fare degli “alfa test”)…

Continua a leggere:Presentando il KasBar

Foto di Flickr

  • Japan / Jun 2024
  • Japan / Jun 2024
  • Japan / Jun 2024
  • Japan / Jun 2024

Instagram Photostream

Un viaggio attraverso i sapori (parte I): la Kamchatka

Qualche tempo fa mi hanno chiesto cosa metto di solito in valigia durante i miei frequenti viaggi attorno al pianeta, una specie di lista di cose che bisogna assolutamente portare con sé. Ho pensato, “certo… ne posso fare una” (ne ho viste tante su Internet). La mia sarà una lista hi-tech, ma sicuramente semplice.

Iniziamo con alcune considerazioni generali:

Punto uno: quanto più viaggiate, tanto più leggera deve essere la valigia o la borsa. È assolutamente logico se ci pensate. Solo un viaggiatore esperto sa come preparare bene la borsa, come collocare bene le cose, decidere cosa portare con sé e cosa no, e cosa non si ha bisogno in base al luogo in cui si va. Un viaggiatore con esperienza, inoltre, sa che qualche chilo in più fa la differenza quando si ha intenzione di fare lunghe camminate – anche quelle per raggiungere il gate nei grandi aeroporti, ve lo assicuro 😉

Punto due: attenzione anche a quanti apparecchi tecnologici portate. Il mio kit hi-tech si limita a una macchina fotografica Sony RX-100, un portatile compatto Lenovo X1 e degli auricolari comodi Bose QuietComfort 3, niente di strabiliante, oggetti comodi e resistenti. Nessuna macchina fotografica con obiettivi giganti, né smartphone sfarzosi o videocamere, né cavalletti, elicotteri telecomandati o quant’altro…

(Ehm… sì, questa è la mia lista. Già fatto. Non ci è voluto tanto vero?)

Terzo: sono sicuro che non volete sapere quali magliette o jeans porto con me, o lo stato dei miei calzini.

Tranquilli, vi voglio parlare di qualcos’altro. Mentre ragionavo su tutto questo, mi è venuta in mente una cosa…

… perché non inaugurare una “nuova rubrica”: “viaggio attraverso i sapori”, una mini-guida gastronomica alle specialità provenienti dai diversi angoli del pianeta che visitato!

Vi propongo dunque una recente tavola imbandita, foto scattata nel capoluogo della Kamchatka, a Petropavlovsk-Kamčatskij, poco prima del nostro viaggio attraverso le isole Curili

Ma andiamo al dunque…

Continua a leggere:Un viaggio attraverso i sapori (parte I): la Kamchatka