Tag: kilimangiaro

I FACCHINI DEL KILIMANGIARO

Durante la nostra escursione sul Kilimangiaro, se noi turisti ci siamo portati giusto lo stretto indispensabile, il resto dei bagagli veniva trasportato dai facchini locali. In realtà la cosa non dava loro molto fastidio; sembra, infatti, che la paga non sia poi così male.

Noi quindi ci siamo portati dietro solamente apparecchiature impermeabili per fare foto e video, i facchini invece hanno portato su tende, sacchi a pelo, materassini per dormire, cibo, acqua e un sacco di altre cose, quasi tutto sulle loro teste.

Ci hanno detto che i facchini (tutti uomini) possono portare un massimo di 15 kg di bagagli dei turisti, oltre ad attrezzature proprie (se necessarie). La nostra guida ci ha spiegato la situazione: “Quindici kg non è considerato un peso eccessivo per un uomo adulto. E sono soliti trasportare gli oggetti sul capo, sono abituati così e per loro è più comodo“.

La guida ha proseguito:

In molti desiderano fare i facchini qui. Non è una delle occupazioni più estenuanti, la paga è buona rispetto ad altri lavori che si svolgono nella regione. Grazie alla politica promossa dal parco nazionale, che incoraggia l’uso di facchini (stabilendo il limite massimo di 15 kg a persona), c’è abbastanza lavoro per tutti (per adulti maschi in buona salute). Una buona politica per la gente del posto, una misura un po’ cara per i turisti“.

E abbiamo visto questa politica in azione: al nostro gruppo sono stati assegnati circa trenta facchini! È così che funziona sul Kilimangiaro.

IMG_2726


kilimanjaro-tourists-1

Continua a leggere:I FACCHINI DEL KILIMANGIARO

HO, HO, HO: KILIMANGIARO!

A Natale, cosa c’è di meglio che… scalare un vulcano in Africa? Questo è ciò che mi sono chiesto a novembre dell’anno scorso.

Sono passate sei settimane, ed ero lì, sulla vetta del Kilimangiaro!

“La prima fase del mal di montagna è l’euforia: il soggetto diventa vivace, eccitato, gentile, loquace… quasi estatico. La seconda fase è la letargia: il soggetto diventa sconfortato, triste, annoiato, silenzioso e apatico, senza voglia di chiacchierare e senza appetito.”

Questi sono gli appunti che ho scritto basandomi su quello che ci ha detto la nostra guida in Tanzania, O.R., poco dopo il nostro arrivo nel paese. Ma penso abbia saltato la fase successiva (non voleva spaventarci, dopo tutto), quindi la aggiungo io. La terza fase è fatale: un peggioramento repentino dello stato fisico e mentale e… mmm, come O.R., preferirei non parlarne. Fatemi solo menzionare ciò di cui avreste bisogno se mai la affrontaste: maschera d’ossigeno, iniezione di adrenalina e una chiamata al servizio medico di pronto soccorso in elicottero, tutto il più presto possibile.
kilimanjaro-up-1


Continua a leggere:HO, HO, HO: KILIMANGIARO!

Foto di Flickr

  • Liechtenstein
  • Liechtenstein
  • Liechtenstein
  • Liechtenstein

Instagram Photostream