Tag: spam

L’intelligenza umanartificiale e la lotta contro lo snowshoe spamming

A quanto pare sono destinato a ricevere tanto spam nella mia casella di posta in arrivo, probabilmente più del solito. Do in giro a destra e a manca il mio biglietto da visita ormai da anni; il nostro dominio viene incluso nelle slide di presentazione, nelle pubblicazioni, nei cataloghi e in molti altri documenti. Devo aggiungere poi che il mio indirizzo email è estremamente semplice. A volte gli indirizzi mail degli impiegati non si possono più usare perché sono strapieni di spam, situazione che ci obbliga a crearne dei nuovi, un po’ modificati. Ma non possiamo andare avanti così. Perché innanzitutto ho bisogno di sapere esattamente chi è il nemico e, secondo, perché voglio poter controllare personalmente la qualità della nostra protezione antispam. E poi non mi dispiace farmi due risate in più di tanto in tanto.

Proprio come gli entomologi con le loro farfalle, raccolgo tutto lo spam in arrivo in una cartella apposita, controllo il verdetto e stabilisco quali sono le tendenze e i falsi positivi, mentre invio i campioni sbagliati al nostro laboratorio antispam.

Stranamente, dall’inizio dell’anno la quantità di spam è schizzata alle stelle! E dopo aver studiato la sua struttura e il suo stile, sembra che la maggior parte dello spam provenga da una 1 fonte, solo 1! Quasi tutti i messaggi erano in inglese (solo due erano in giapponese) e la cosa più importante: il 100% di questo spam è stato rilevato dai nostri prodotti! I nostri specialisti hanno scoperto che… (era davvero uno tsunami di spam)… si trattava di un tipo speciale di spam conosciuto come spam racchette da neve  o snowshoe spamming. Tutto questo è un po’ insolito, dal momento che con l’anno nuovo il volume dell’attività spam in genere diminuisce.

* Dati dall’1 al 10 gennaio

E questi sono i dati secondo cui la percentuale di snowshoe spam è cambiata nel giorno più attivo, il 7 gennaio, nelle caselle di posta in arrivo del nostro dominio aziendale:

Che cos’è lo snowshoe spamming e come ci possiamo proteggere?

Continua a leggere:L’intelligenza umanartificiale e la lotta contro lo snowshoe spamming

Cyber-notizie dal lato oscuro: 30 giugno 2014

La Borsa hackerata grazie a un ritardo di microsecondi

I truffatori arrivano ovunque e si intrufolano persino in Borsa. Ma andiamo per gradi…

Un tempo quella del broker finanziario era una professione rispettata  e poi si lavorava duramente. Gli intermediari facevano orari assurdi, erano sempre a disposizione, di giorno e di notte, perché dovevano prendere decisioni importanti e sotto pressione. Compravano e vendevano titoli, azioni, obbligazioni, derivati (o in qualsiasi altro modo si chiamino) e dovevano farlo nel momento più opportuno per trarre i maggiori benefici, aspettando fino all’ultimo secondo utile. Da infarto. Prima, se le cose andavano male o facevano un errore colossale, si buttavano giù dalla finestra del proprio ufficio. Davvero un duro lavoro.

Erano altri tempi. Ormai non si tratta più di un lavoro manuale, è tutto automatizzato. Non c’è più bisogno di spremersi le meningi, stressarsi o faticare: la maggior parte delle operazioni vengono eseguite da dei “robot” (programmi specifici che determinano automaticamente il momento giusto per comprare o vendere). In altre parole, il compito dei broker è quello di programmare questi robot in modo tale che eseguano correttamente le varie operazioni.  I tempi di reazione di queste macchine (che si misurano in frazioni infinitesimali di secondo) rappresentano la chiave del successo per ottenere i massimi benefici da questo o quel mercato. E la velocità dipende dalla qualità della connessione Internet con la Borsa elettronica. In sostanza, quanto più vicino si trova fisicamente il robot alla Borsa, maggiori sono le probabilità di arrivare per primi a fare l’offerta più vantaggiosa. Di contro, i robot più in “periferia” rimarranno sempre esclusi e vale lo stesso anche per quelli che non utilizzano gli algoritmi più recenti.

Negli ultimi tempi, a mettere i bastoni tra le ruote ci si sono messi anche i cybercriminali. Ad esempio, un fondo d’investimento è stato infettato da un malware che ha ritardato le transazioni di alcune centinaia di microsecondi, il tempo sufficiente in Borsa per perdere un affare importantissimo.

bae-600x255 Continua a leggere:Cyber-notizie dal lato oscuro: 30 giugno 2014

Kaspersky AntiSpam: Non più Sconfitto ma Vincitore

Esiste un vecchio proverbio russo: il modo in cui inizi l’anno nuovo – è indicativo in merito a come spenderai il resto dell’anno.

E quest’anno è iniziato davvero bene per noi:

  1. Abbiamo ricevuto il premio come Prodotto dell’Anno dal Laboratorio Austriaco AV-Comparatives;
  2. Abbiamo battuto il record di punti nel test realizzato dal laboratorio tedesco AV-Test.org;
  3. Abbiamo ricevuto il voto più alto dalla Rivista Virus nel Regno Unito.

Nonostante ciò, dopo aver ricevuto questi premi, il prosieguo dell’anno è andato ancora meglio ed il numero di medaglie è cresciuto a dismisura! Questi tests su nostri prodotti di protezioni proattive e protezione di operazioni finanziarie online furono realizzati dalle più grandi marche di test comparativi. Alla fine risultammo i migliori nei tests riguardanti le nostre funzioni di controllo delle applicazioni realizzati dai Laboratori West Coast; e inoltre abbiamo assicurato eccellenti risultati nei test sui notri prodotti di mobile security realizzati da PCSL.

E non ci siamo fermati a ottenere dei premi in merito ai nostri prodotti per uso personale; abbiamo anche stracciato la concorrenza con i nostri “prodotti di protezione delle infrastrutture ITaziendali “; per esempio, nei tests di Agosto realizzati da AV-Test.org, sia Kaspersky Internet Security che Kaspersky Endpoint Securityricevettero rispettivamente 16 e 17 punti, il punteggio più alto tra tutti i partecipanti al test.

Quindi, come potete vedere, nei primi otto mesi del 2012, abbiamo ricevuto un bel pò di belle notizie. Per tutte queste buone notizie non smetterò mai di lodare il nostro fedele e pionero AV Lab – cosa che penso gli faccia piacere – e di conseguenza mi aspetto presto molti altri riconoscimenti nella lotta contro al malware!

In questo avanti e indietro di positivismo e ottimismo, i più meticolosi potrebbero dire, “ok, i vostri antivirus sono i migliori, ma cosa offrite per quanto riguarda le tecnologie Non Antivirus, come per esempio Antispam”?

Perfetto: è giusto ciò di cui vi parlerò in questo articolo.

Proprio recentemente furono rilasciati i risultati del Virus Bulletin’s VBSpam  in cui il nostro Kaspersky Anti-Spam per Linux– inaspettatamente per i nostri concorrenti ma abbastanza atteso da parte nostra – risultò tra i vincitori – per la precisione secondo – con un eccezionale risultato di 93,3% di detezione degli spam  e un 0,1% di falsi positivi. “A chi piace arrivare secondi?” soprattutto per coloro che sono abituati ad arrivare sempre primi, come nel caso di Kaspersky Lab. Ma in questo caso la mia risposta sarebbe “A me piacerebbe!” E vi spiego il perchè …

E non è una casualità…