Risultati dalla ricerca di:: geyser

Nuova Zelanda 2013: giornate 3-5 tra geyser, vulcani e laghi

Giornata n.3: sorgenti geotermali.

Finalmente! Siamo arrivati alla parte più divertente (per lo meno per me!) del viaggio in Nuova Zelanda.

Il nostro percorso è stato deciso: da nord a sud, centinaia di miglia di strada in una cornice naturale mozzafiato formata da paesaggi lussureggianti e sorprendenti.

Il nostro terzo giorno in Nuova Zelanda è all’insegna di geyser, sorgenti di acqua calda, eruzioni e fumarole, vulcanismo e zone geoterminali – tutte cose da non perdere.

New Zealand, Geyser Pohutu

Un giorno non basta per ossevare tutti questi straordinari fenomeni naturali…

13 anni di fan club… e l’avventura continua!

Durante alcune conversazioni mi è capitato di menzionare il fan club di Kaspersky e immediatamente mi viene chiesto perché (e come) un’azienda di antivirus abbia un fan club. Vi spiego: perché produciamo protezioni antivirus da molto tempo, perché siamo un’azienda che si dedica a organizzare eventi e attività interessanti e divertenti e perché molte persone vogliono essere partecipi di ciò che fa Kaspersky pur non lavorando per l’azienda. E poi perché avere un fan club è figo.

Mi fa quasi paura dirlo ma tutta questa storia è iniziata ben 13 anni fa, quando abbiamo lanciato la nostra versione 6, ben accolta nel settore della sicurezza informatica. Sul forum pubblicavamo nuovi build quasi ogni giorno, e decine di volontari prendevano immediatamente questo codice promettente ma non ancora ben definito, lo installavano e ne testavano il funzionamento. Credo che ai tempi la motivazione principale per partecipare fosse che gli sviluppatori (l’intero team, senza eccezioni, faceva parte del forum) venivano a conoscenza all’istante di qualsiasi feedback che arrivasse dal report dei bug e delle funzionalità che sarebbe stato utile aggiungere. Gli utenti apprezzavano che venisse ascoltata la loro opinione su aspetto, comportamento e le future sorti di un popolare prodotto antivirus. Continua a leggere:13 anni di fan club… e l’avventura continua!

TOP 100, LA SERIE: Australia, Nuova Zelanda e Oceania

Per quanto possa sembrare strano, essendo così lontane, l’Australia e la Nuova Zelanda sono i due paesi che ho esplorato di più al mondo. Sono stato in molte delle loro location entrate nella Top 100, e quelle che non ho ancora visitato, programmo di andarci molto presto. “Che fretta c’è?”, starete pensando, visto che dico sempre, scorrendo questa lista delle Top 100, “devo andarci presto” in decine di posti dove non sono ancora stato. Beh, semplice: la zona è semplicemente meravigliosa. I posti che ho già visitato, tutti pazzeschi. Al mix aggiungete i canguri, i koala e i coccodrilli, e il tutto sommato al continente più interessante del pianeta! Ok, non del tutto un continente, perché c’è l’Australasia, quindi dovrei forse attenermi a “regione”. Oh, e fuori dall’Oceania sono stato tanto lontano solo alle Hawaii. Precisazioni debitamente verbalizzate, diamo inizio alle danze amici, alla volta degli antipodi!

83. Kimberley

Gli australiani mi hanno parlato per anni di questa zona poco conosciuta. Finalmente, nell’estate del 2015, ci sono stato. Adesso so a cosa si riferivano.



Source

Fonte

Continua a leggere:TOP 100, LA SERIE: Australia, Nuova Zelanda e Oceania

TOP 100, LA SERIE: RUSSIA

Ciao amici!

Continuiamo il mio viaggio alla scoperta dei 100 luoghi, a mio parere, più belli del mondo e che, senza dubbio, reputo vadano visitati almeno una volta… per non vivere il resto della vita con il rimpianto!

Prossima fermata, il paese più grande del mondo!

La pianura russa non offre niente di stupefacente da vedere in quanto a bellezze naturali. Certo, ci sono posti bellissimi, e ce ne sono molti, ma nessuno rientra nella mia Top 100. A est degli Urali c’è il Bassopiano della Siberia Occidentale, una pianura piuttosto insignificante, stavolta tutta di tundra/taiga/steppa (da nord a sud rispettivamente), paludi, fiumi, laghi, pozzi petroliferi e zanzare. La Top 100 comincia a essere meritata ancora più a est. Ma ci arriverò tra un attimo, per adesso…

  1. La Piazza Rossa e il Cremlino

Molti nei nostri amici stranieri che vengono a trovarci a Mosca ci dicono che la Piazza Rossa, con San Basilio a un’estremità, il Cremlino da un lato e il GUM dall’altro, è il punto più bello d’Europa, soprattutto di notte quando è illuminata. E come contraddirli? Ne sono anch’io un grande estimatore.

Nota: San Pietroburgo era nella classifica delle 100 città più belle del mondo.


Source
Source

info_ru_20
wiki_IT
map_ru_20
gmaps
Photos
google

flickr

Continua a leggere:TOP 100, LA SERIE: RUSSIA

TERRA INCOGNITA. I VULCANI A SUD DELLA KAMCHATKA: KAMBALNY

Sebbene Kamchatka non sia la destinazione turistica più rinomata o accessibile del mondo,  ha le sue “mecche turistiche”, come la Valle dei Geyser, Tolbachik (specialmente durante un’eruzione), e i vulcani Mutnovsky e Goreliy. Ma vanta anche attrazioni meno visitate, per esempio il vulcano Ksudach. Poi ci sono posti dove l’impronta della zampa di un orso nel fango viene osservata senza il minimo aumento del battito cardiaco, come se fosse soltanto una tra migliaia di impronte d’orso. E la vista dell’impronta di uno stivale di un essere umano, allo stesso modo non provoca alcuna emozione perché non se ne vedono mai! Nessuno vive in questi posti, e li visitano solo uno o due gruppi di turisti… all’anno! Questi luoghi sono completamente spogli, desolati, deserti e silenziosi: Terra Incognita!

Che peccato. Queste terre nascoste sono tutte da vedere!

Due luoghi da visitare  nella Terra Incognita di Kamchatka sono i vulcani Kambalny e Koshelev.

Ahimè, non siamo saliti fino in cima ai loro crateri perché il nostro programma non lo permetteva. Abbiamo deciso invece di fare un giro intorno e così facendo abbiamo stabilito il nostro programma per la prossima visita a Kambalny/Koshelev: camminare da Pauzhetka fino a Kambalny, quindi scendere fino al lago Kambalny e poi… vedremo quanta energia ci sarà rimasta per continuare la scalata al vulcano.

Kambalny è un vulcano alto 2.161 metri, ma ha anche un promontorio vulcanico lungo circa 15 km, che va dritto da nord a sud nel mezzo della bassa Kamchatka, direttamente tra il Mare di Okhotsk e il lago Kuril.

kamchatka-volcanoes-1

kamchatka-volcanoes-2

Continua a leggere:TERRA INCOGNITA. I VULCANI A SUD DELLA KAMCHATKA: KAMBALNY

Kamchatka 2015: cascate bianche e navi di pietra abbandonate

All’inizio ho pensato d’iniziare questo post parlando di tre luoghi d’interesse vicino Pauzhetka, e mettendo una foto scattata da un satellite (della zona tra il Mare di Okhotsk e il lago Curil). Purtroppo non ho trovato foto su Internet; i motori di ricerca propongono solo questa riproduzione topografica approssimativa della zona, zoomando un pochino si sgrana subito l’immagine. È vero, stiamo parlando di un angolo remoto del mondo, ma insomma…

Comunque sia, prima tappa: le Cascate bianche.

Un posto assolutamente meraviglioso! Non avevo mai visto delle fontane naturali sprizzare dalla parete di una cascata (ci sono i geyser naturalmente, ma spuntano dalla terra).

kamchatka-wonders-20

kamchatka-wonders-21

Continua a leggere:Kamchatka 2015: cascate bianche e navi di pietra abbandonate

TOP 100, LA SERIE: EUROPA

È probabile che conosciate già le tante meraviglie e bellezze create dall’uomo su questo continente, culla della civiltà occidentale: ce ne sono a valanghe. Tuttavia, c’è tanto da ammirare anche dal punto di vista storico-naturale, qualcosa di cui forse non siete ancora al corrente. Fino a ora!

Curiosamente, in sostanza tutte le meraviglie storico-naturali d’Europa si trovano lungo la costa o sulle isole. Nell’entroterra non c’è praticamente niente di notevole. Ma questo non conta, perchè l’Europa è ricca sia di coste sia di isole. 🙂 Bene. Partiamo!..

Europa

  1. Islanda vulcanica

Uno dei luoghi con la maggiore attività eruttiva del pianeta. Vulcani, geysers, sorgenti termali, più i ghiacciai e il rigido clima nordico che ti aspetti da un Paese con la parola “ice” nel suo nome. Ero quest’estate. Incredibile. Dà del filo da torcere anche alla Kamchatka. Tuttavia ne ho visto solo una piccola parte, devo tornare ed esplorare il resto.

1252015_original

Fonte

wiki_en (1) gmaps google flickr

Continua a leggere:TOP 100, LA SERIE: EUROPA

Kamchatka 2015: dall’alto verso il basso!

Nella mia umile opinione, Kamchatka è il posto più affascinante e bello del pianeta. Un’affermazione importante, lo so, ma se viene da un giramondo come me potete fidarvi, no? Se mi date retta, vi consiglio di leggere la serie di post che pubblicherò sul mio viaggio annuale a Kamchatka e sicuramente vi convincerò!

Vulcani voluttuosi dai crateri colossali e laghi multicolore, paesaggi che non sembrano di questo mondo, geyser e fonti di acqua termale, orsi selvaggi e in libertà, caviale rosso spalmato sul sandwich non con un coltello ma con una spada (o meglio, con una escavatore JCB).

Ci sono decine di meraviglie naturali, popolate di flora e fauna concentrare in ina striscia di territorio relativamente piccola lungo la dorsale vulcanica della penisola. Questa striscia magica di bellezza naturale è lunga 600 chilometri in totale. Va dal gruppo di vulcani Klyuchevskaya Sopka al nord, passando per Petropavlovsk-Kamchatsky, la capitale della penisola e scendendo fino a Kambalny e Koshelev nel sud. Ecco qua:

kamchatka-2015-1

kamchatka-2015-2

kamchatka-2015-3 Continua a leggere:Kamchatka 2015: dall’alto verso il basso!

Top 100, la serie: America del Nord – parte I

Come state, ragazzi?

In una introduzione vi avevo promesso una lista aggiornata con la mia Top 100, i cento luoghi al mondo da visitare e come vi avevo anticipato lo farò attraverso una serie di post. Dopo il post sulle 20 città al mondo da non perdere (un extra) è ora il turno dei 17 luoghi da vedere assolutamente (luoghi naturali, non città); appartengono tutti alla Top 100 e si trovano nella parte del continente di cui vi parlerò oggi: il Nord America. In poche parole si tratta di una breve guida sui luoghi più sorprendenti che si trovano in questa parte del continente. Devo dire che ho avuto la fortuna di poter visitare la maggior parte di questi posti e sono tutti bellissimi e inusuali, frutto di madre natura o della mano dell’uomo. In questo post troverete i primi 10 posti, mentre nel prossimo post, vi parlerò dei restanti 7.

Ma perché il Nord America? E perché questa zona del continente americano?

Beh, mi è sembrata la miglior zona da cui iniziare dato che si trova in alto a sinistra del mappamondo. Iniziando da qui vi condurrò attraverso un viaggio attorno al mondo. Qual è la rotta? Eccola qui: Nord America, America Centrale, America del Sud. Poi attraverseremo l’Atlantico e ci addentreremo in Europa, attraverseremo la Russia fino alle sue estremità orientali. Poi ci dirigeremo di nuovo verso ovest e poi in direzione sud verso il Medio Oriente, l’Asia centrale, l’India, L’Indocina e su di nuovo, fino alla Cina, con qualche fermata su altre zone interessanti dell’Asia. Poi di nuovo verso ovest per poi muoverci verso est: Africa, Australia e Oceania. Ultima, ma non per questo meno importante, l’Antartica. Questo è il tracciato base, poi vedremo che succede. Allora, siete pronti? Telefoni spenti, pop-corn nel microonde, bibite sul tavolino e divano comodo… Si parte!

Naturalmente se vivessimo in Cina o negli Stati Uniti, la mappa del mondo e il percorso sarebbe diverso. Se vivessimo in Australia, la cartina sarebbe così:

na_0 Continua a leggere:Top 100, la serie: America del Nord – parte I

La mia nuova Top 20 delle città

Ciao a tutti!

Come vi avevo accennato in precedenza, ecco la mia nuova lista delle 20 città del mondo a mio parere più belle. In questo post descriverò brevemente e allegherò alcune foto delle 20 città o agglomerati urbani più interessanti, a volte si tratta solo di quartieri, a volte città intere che consiglio di visitare. Inutile specificare che sono stato in tutte e 20, in alcune molte volte, cosa che non accade per alcuni posti che sono nel mio elenco principale dei 100 posti al mondo da visitare.

Ma prima di tutto precisiamo: come sono state formate la Top 100  e la Top 20?

Innanzitutto basandomi su ciò che hanno visto i miei occhi e le sensazioni che ho vissuto. Ho la fortuna di svolgere un lavoro che mi porta a viaggiare per sei mesi l’anno. Il lavoro prima di tutto, ma perché non mischiare un po’ dovere e piacere? Infatti, perché no.

P1010003

In secondo luogo, in varie parti del mondo ho incontrato e ho avuto occasione di parlare con tantissime persone diverse: dipendenti dell’azienda, partner, clienti, giornalisti, polizia informatica e a volte anche ministri e cancellieri! Ovviamente, quando ci si trova a parlare non solo per pochi minuti, la conversazione si sposta per forza di cose su argomenti esuli dal lavoro, come affari internazionali (troppa politica per i miei gusti) oppure, se sono io a intavolare il discorso, parte la domanda: “cosa mi consiglia di visitare da queste parti?”. Grazie proprio a questa domanda mi si sono aperte delle meraviglie del mondo incredibili, alcune conosciute altre meno, varie sonopresenti in molte degli elenchi che periodicamente redigo. Faccio l’esempio delle formazoni rocciose colorate in Cina, di Kimberley in Australia e delle scogliere di Moher in Irlanda.

In terzo luogo, ci sono luoghi rinomati che non hanno bisogno di raccomandazioni. Parlo del Grand Canyon, del Taj-Mahal e delle cascate Vittoria. Fanno parte dell’elenco delle destinazioni prioritarie (arriverà presto anche questa), elenco che richiede (dal mio punto di vista) una consultazione obbligatoria da parte di tutti! 🙂

In quarto luogo (se si può dire), spesso amici e colleghi ritornano da un viaggio in qualche luogo remoto/sconosciuto/oscuro che hanno appena “scoperto” e non posso fare altro che ascoltarli mentre parlano di questi posti meravigliosi. Esempi: il Kilimanjaro, le Curili o i tempi buddisti nelle giungle del sud-est asiatico.

In quinto luogo, spesso sono venuto a conoscenza di luoghi interessanti da visitare grazie alla sezione commenti presente alla fine di ogni mio post. Ringrazio calorosamente tutti quelli che hanno scritto le loro raccomandazioni! Grazie ai consigli dei lettori ho visitato gli archi e le rocce in Utah, la Bonneville Salt Flats, il Canyon Antelope e le rocce del parco nazionale cinese di Zhangjiajie.

E poi sin dall’infanzia ho ascoltato tanti racconti meravigliosi su Kamchatka e Altaj che non mi sarei potuto mai perdere questi posti.

Grazie a tutto ciò ho accumulato nomi su nomi di posti in tutto il mondo da visitare, superando ben oltre le 100 destinazioni. Come sono arrivato alla cifra tonda di 100? Ho selezionato quelli che per me sono i posti davvero più belli o unici; lo specifico ancora una volta, un criterio totalmente soggettivo.

Alcune persone preferiscono alberi nei parchi o fiori nei giardini invece di vulcani e geyser. Altri prendono in considerazione solo lussi e cibi sopraffini. Ad altri ancora tutto questo lascia indifferenti e si entusiasmano con montagne e ghiacciai. Come si suol dire, i gusti sono gusti e in questo non entro (e consiglio anche a voi di non farlo). Perché non create un vostro elenco dei 100 (o 20 o 50) luoghi da visitare e si scambiamo le nostre impressioni?

Torniamo ai miei oltre 100 posti: per non fare torto a nessuno ho creato due elenchi. Creando una lista a parte delle “20 città da vedere nel mondo”, ho guadagnato spazio per la mia Top 100, che si è concentrata unicamente sulle bellezze storiche e naturali.

Riassumendo, in questo post parlerò delle mie 20 città preferite. Nei post successivi della serie “top”, farò una suddivisione per aree geografiche: Americhe, Europa e così via.

E dopo questa spiegazione colossale, ecco le mie “20 città da vedere nel mondo”. Ta daaaa!

Innanzitutto, riuscite a individuarle tutte in questo collage di foto?

Nota: si può cliccare sulla foto.

Топ-20 городов мира Continua a leggere:La mia nuova Top 20 delle città