Risultati dalla ricerca di:: curili

La guida completa delle Isole Curili

Diciamola tutta: le Isole Curili sono spoglie e desolate. Tempo atmosferico estremo, difficoltà nelle comunicazioni con il continente, prezzi aumentati perché bisogna importare tutto (e sono tutti prodotti importati dalla madrepatria Russia), minaccia costante di disastri naturali come eruzioni vulcaniche, terremoti e tsunami!

Bisogna avere una tempra forte per sopravvivere qui e ancora più forte per amare questo posto. Comunque sia, sì che le Curili hanno cose belle, bisogna solo guardare con attenzione….

La superficie totale di terraferma è di poco inferiore a quella di Israele, della Slovenia o metà del Belgio. La popolazione è di circa 20 mila abitanti, metà dei quali vive in tre città: Severo-Kuril’sk (Kuril’sk del nord), Kuril’sk e Yuzhno-Kuril’sk (Kuril’sk del sud). Tutto nella massima logica.

Le prime due hanno ricevuto lo status di “città”, anche se sommando gli abitanti non arrivano a quelli della terza, classificata  come “insediamento urbano” (logico?).  Poi ci sono villaggi e paesini di pescatori che d’estate prendono vita  dopo essere rimasti in letargo tutto l’inverno.

Allora, com’è vivere alle Curili?

Kurils islands, Tyatya volcano Continua a leggere:La guida completa delle Isole Curili

Isole Curili: come, dove e perché

Come è nata l’idea di fare una crociera, non per visitare splendide isole tropicali, ma per alcune isole disabitate (ovviamente a ragione) dal clima polare?

In realtà è più semplice di quanto si pensi…

Il mio luogo preferito dove ricaricare le batterie e resettare la mente durante il mese di agosto è senza dubbio Kamchatka: ci sono vulcani, geyser, sorgenti di acqua calda, orsi e altre situazioni estreme. Ma eravamo già stati a Kamchatka, e non una volta sola. Avevamo bisogno di un viaggio simile ma in un posto diverso…

Ogni volta che vado a Kamchatka, la gente del posto mi dice “alle Curili è molto meglio questo o quello”. Olga Rumyantseva, che ha i miei stessi gusti, era già stata alle Curili e me ne parlava continuamente… Durante questi anni la mia curiosità è cresciuta poco a poco, fino a quando non ne ho potuto più e si è deciso (o meglio, ho deciso) che il successivo viaggio estivo sarebbe stato alle Curili.

Una volta stabilito dove andare (circa un annetto fa), è iniziata la preparazione del viaggio alle Curili, che è durata l’intero anno. Abbiamo deciso i partecipanti (la maggior parte appassionati di turismo estremo e della natura più selvaggia), abbiamo stabilito le tappe più adeguate, abbiamo analizzato il territorio e abbiamo scelto l’imbarcazione che meglio si adattava alle nostre esigenze. La cosa più importante: tutti i partecipanti sono stati avvisati che non sarebbe stato il tipico viaggio “palestra-spiaggia-piña colada-spa-Cuba libre-lettura e turismo”. Si trattava di un viaggio su mari agitati, con un clima rigido e su isole inospitali, senza connessione a Internet o cellulari.

Ritorno alle origini, ritorno alla natura.

Kuril Islands Continua a leggere:Isole Curili: come, dove e perché

Shikotan: la Nuova Zelanda delle isole Curili

Se siete stati in Nuova Zelanda, e un bel giorno vi svegliaste improvvisamente sull’isola di Shikotan (vi trovate lì senza sapere come ci siete arrivati, oppure vi siete svegliati da un lungo sonno), molto probabilmente credereste di essere stati teletrasportati in Nuova Zelanda. Sono così simili!

Paesaggi non vulcanici dalla vegetazione lussureggiante, bambù nani, alberi particolari dalle posizioni talmente inusuali che sembrano essere stati messi lì apposta in quel modo. Tutti potati alla perfezione, dai colori talmente vivi che sembra sia stato usato Photoshop… e  il tutto reso ancora più scintillante dall’inevitabile pioggia delle isole Curili. Se aggiungessimo sole e pecore, Shikotan diventerebbe la copia esatta della Nuova Zelanda…potrebbe essere benissimo un luogo qualsiasi dell’isola del Nord.

Kuril Islands - Shikotan Continua a leggere:Shikotan: la Nuova Zelanda delle isole Curili

Cybersicurezza: i nostri inizi – sesta parte: il rapporto con i media

La settimana scorsa mi sono reso conto di essere stato in isolamento-lockdown-quarantena per un intero quarto d’anno. Tre mesi seduto a casa, con solo un paio di brevi incursioni nell’ufficio deserto, più ogni fine settimana nella nostra dacia con la famiglia altrettanto isolata. Per tutti, una vita quotidiana davvero straordinaria. Per me, niente aerei/aeroporti, niente alberghi, niente riunioni o discorsi: insomma, pochissimi viaggi.

Ma tutto è relativo: in tre mesi abbiamo viaggiato tutti per oltre 230 milioni di chilometri (un quarto di un’orbita terrestre intorno al Sole)! E questo senza tener conto del fatto che il sistema solare stesso viaggia a una velocità pazzesca. Una cosa che non è cambiata molto da quando è iniziato il lockdown sono gli incontri d’affari, si sono semplicemente tutti spostati online. Ah sì, e tutti i nostri affari in generale si stanno svolgendo in questo modo: come al solito ma senza essere colpiti da virus biologici.

Ma basta parlare di lockdown; probabilmente siete stanchi di sentire questa parola. Meglio continuare con i miei racconti dal fronte del cyber-passato: questa volta parlerò di interviste a giornali, riviste, radio, TV, oltre ad altre presenze in pubblico varie (mi è venuta in mente la mia attività di “media relations” mentre raccontavo della mia settimana di interviste al CeBIT di molto tempo fa, Cybersicurezza: i nostri inizi – quarta parte). Ed è venuto fuori che ho un sacco di cose da raccontarvi sulle esperienze interessanti che ho vissuto parlando con i media e parlando in pubblico e tutto il resto, un sacco di aneddoti divertenti e insoliti, oltre naturalmente ad alcune foto (illuminate e ripulite).

Ci saranno vari tipi di media-racconti di diverse dimensioni e sapori: dai discorsi in sale praticamente vuote agli stadi stracolmi! Dalle minuscole e sconosciute pubblicazioni sui media locali a conglomerati di media globali di altissimo livello dai nomi noti! Dalle conferenze professionali presso le principali università e/o con un pubblico appositamente equipaggiato con il meglio della tecnologia alle conferenze informali sulle meraviglie dell’aritmetica su una nave che navigava verso… l’Antartide con Drake Passage! Eugene è la costante, tutto il resto intorno cambia.

Continua a leggere:Cybersicurezza: i nostri inizi – sesta parte: il rapporto con i media

Tutto ciò che ho fatto e ho visto di straordinario in questo 2019 A.D.

Ciao gente, buon anno in ritardo!

Spero che abbiate passato delle felici, allegre e liete vacanze. Sono sicuro di sì!

Va bene. Andiamo avanti… guardando indietro.

Quindi, come di consueto su queste mie pagine del blog in questo periodo dell’anno, ecco qui il mio riepilogo dell’anno appena trascorso: una sintesi dei fatti, delle cifre, dei paesi, dei voli, del turismo, dei vulcani, delle escursioni, dei monasteri, del trekking e di tutto il resto. Wow, siamo già alla sesta volta (

Ma… perché?

Beh, l’eccessiva auto-indulgenza gioca sicuramente un ruolo importante (soprattutto quando si tratta di cose come il mio numero di voli e altre statistiche:). Tuttavia, ho la fortuna di viaggiare e di conoscere un sacco di luoghi e cose molto interessanti, e sono abbastanza sicuro saranno di interesse per alcuni di voi, cari lettori. Forse non avrete letto tutti i post dell’anno (ce ne sono molti); di conseguenza, sicuramente una recensione dei “più grandi successi” dell’anno (compreso il Capodanno sulle montagne ecuadoriane in una piscina termale a 3600 metri sul livello del mare) varrà la pena? Lo spero. Ok, allora, senza indugiare oltre, vediamo un po’.

Le appena citate sorgenti termali in Ecuador:

Il Sud America è un po’ più lontano dei miei abituali percorsi qua e là in giro per il mondo, ma ben presto sono tornato al mio circuito di sempre ben collaudato…

Collaudato, certo ma l’anno appena passato un po’meno del solito: ho volato solo 94 volte (di solito sono più di 100) e sono stato in aria solo 380 ore.

Inoltre:

  • 8 voli in elicottero;
  • ~3000 miglia nautiche su una nave che naviga intorno alle isole Curili;
  • Per qualche motivo ho viaggiato molto in treno nel 2019: in Italia, Cina (350km orari!), e Giappone (Shinkansen);
  • Qualche chilometro… a dorso di un cammello!

Un po’ di dati: numeri di voli che ho fatto con diverse compagnie:

Aeroflot – 37;
Singapore Airlines – 6;
Air France – 5;
Altri – 10.

Prima volta su:

Avianca;
Flydubai;
EVA Air;
Rossiya;
MEA;
Tibet Airlines.

Un po’ di numeri sulla geografia:

Paesi visitati: 29 (alcuni più di una volta): Francia (cinque volte), Italia (quattro volte), Germania (quattro volte), Svizzera (tre), EAU (tre), Cina (tre).

5 Novità : Bosnia-Erzegovina, San Marino, Ruanda, Mongolia e Libano

Numero di città: 65

Numero di hotel: oltre 80

 

Lavoro, lavoro, lavoro.

Certo, non è tutto divertimento e poco o niente lavoro. Cerco sempre di combinare le due cose: faccio conferenze, mostre, incontri e altre attività, e poi aggiungo una parte di turismo. Quindi, lavoro:

  • Oltre 40 interviste e conferenze stampa;
  • Oltre 40 dibattiti, conferenze, discorsi/presentazioni;
  • Oltre 30 incontri con alti funzionari;
  • Tre di questi sono i più importanti: i presidenti di Francia, Ruanda e Armenia;
  • Di questi 30 e passa incontri, 2 sono stati con gli ambasciatori di Francia e Indonesia.

 

 

“Argenteria”

Questo è stato un altro anno eccellente in termini di premi e medaglie. In tutto abbiamo ricevuto 114 premi (altri sette sono in arrivo all’inizio del 2020 sulla base dei risultati del 2019:), di cui 73 per i prodotti per utenti privati (ad esempio KIS) e 41 per i prodotti aziendali (ad esempio KES).

I dati più importanti:

  • AV-Comparatives: KIS ha ricevuto il certificato “Advanced+” nel primo test pubblico di Enhanced WPDT raggiungendo il 100% nel Livello di Protezione%; inoltre in questo test, KES ha raggiunto il livello di protezione del 100% in “Certified ATP Enterprise Protection”;
  • Il laboratorio di test britannico SELabs ha pubblicato i suoi premi annuali, e KIS ha ottenuto il premio Best Consumer Anti-Malware Product 2019;
  • SELabs ha anche pubblicato per la prima volta i risultati del suo Breach Response Test del nostro KATA. Qui troverete il report;
  • KATA ha anche ricevuto un certificato dai laboratori americani ICSA Labs con il massimo punteggio per tre anni (!) di seguito: nei 12 test trimestrali il nostro tasso di rilevamento è stato del 100% in nove di essi, e zero falsi positivi;
  • Siamo l’unica azienda ad aver ricevuto da MRG Effitas l’annuale Online Banking Browser Security Award per cinque volte di fila (dal 2015) per gli eccellenti risultati ottenuti nei test trimestrali;
  • Per il terzo anno consecutivo KES ha ricevuto lo status “Racommended” nei test di NSS Labs (per Advanced Endpoint Protection).

Potrei continuare con il resto dei 100 premi ma credo che per oggi possa bastare. Non dimenticate però di continuare a controllare le metriche Top-3, che mostrano graficamente quali prodotti proteggono davvero dai cyberattacchi, e quali bombardano gli utenti solo con del marketing!#*^^!+&*!$!

 

E non dimentichiamoci che:

  • Abbiamo aperto il nostro primo Transparency Center a Zurigo;
  • Abbiamo organizzato il nostro Security Analyst Summit,, questa volta a Singapore, ed è andato a gonfie vele;
  • C’è stata anche la questione di un rebranding completo per l’azienda, giusto in tempo per il 2020;
  • Ci siamo sottoposti (e abbiamo superato) all’audit SOC 2, davvero duro terribile (ma del tutto necessario).

Abbiamo lanciato un nuovo portale per lo studio delle minacce informatiche. Ora, se vi imbattete in un file sospetto (o più file), sottoponetelo (li) al nostro “scanner a raggi X” che utilizza queste tecnologie.

Ok, basta con il lavoro, è tempo di divertimento, che riguarda il mio elenco dei 100 posti più belli del pianeta.

Ecco dei posti fenomenali:

  • Le Isole Galapagos. Mi sono piaciute molto, e ci ho scritto un libro con tutte le mie foto migliori (la traduzione arriverà). Curiosità veloce: mentre ero lì, ho scoperto che non c’è un solo equatore, ma almeno tre (e l’Ecuador si trova su tutti e tre)!;
  • Finalmente ho visitato il lago Baikal! E non abbiamo solo camminato sul ghiaccio, l’abbiamo attraversato anche a bordo di un 4×4. Date un’occhiata al link per le foto delle incredibili formazioni di ghiaccio e altro ancora;
  • Le meraviglie di marmo nelle catene montuose di Taiwan nel Parco Nazionale Taroko. Non era solo la prima volta che ci andavo, ma questo luogo è apparso anche sulla mia Top-100 per la prima volta, dopo che ho potuto constatare di persona quanto fosse incredibile;
  • Per la seconda volta nella mia vita, le isole Curili, questa volta dalla cima (Kamchatka) al fondo (vicino al Giappone) e ritorno!;
  • Per la prima volta il deserto del Gobi. Sì, è vasto e tetro, ma anche molto bello e da non perdere!
  • La sconcertante Baalbek in Libano. Finalmente ho avuto modo di vivere questo posto in carne e ossa, di scattare molte foto e di toccare i suoi immensi “mattoni” antichi come il Trilithon;
  • La Cappadocia, un altro +1 alla mia Top-100. Vista, sorvolata, scattato foto, fatto, e niente t-shirt.

Proprio di recente, il Tibet! Una quindicina di giorni per attraversare i paesaggi montuosi e desertici, in treno (la ferrovia più alta del mondo!) e poi in minibus (la peggiore guida del mondo!), costeggiando i piedi dell’Himalaya, ammirando l’Everest, trekking di tre giorni intorno al Monte Kailash. Oh mio Dio Buddha!

 

View this post on Instagram

TO TIBET BY THE HIGH-ELEVATION RAILWAY. DETAILS BELOW… . Как добраться до Тибета? Быстрее всего самолётом. Удобнее и зрелищнее – поездом. Тем более, что это не просто поезд. Это – Цинхай-Тибетская железная дорога, самая высокогорная в мире ЖД с регулярным пассажирским сообщением. Соединяет Синин и Лхасу, длина ~2000км, высшая точка полотна – 5072м. Во-первых, это красиво 🙂 Виды из окна открываются сугубо живописные, вдумчивые, медитативные. А вторая причина – чисто техническая. Тибет славится весьма впечатляющими высотами. Лхаса расположена на высоте аж 3600м над уровнем моря. А если забраться подальше, то там ниже 4 тысяч высот в принципе не бывает. Посему для наших бедных нежных офисных организмов требуется акклиматизация. А в поезде вагоны кондиционированы обогащённой смесью кислорода, чтобы равнинному туристу было легче привыкнуть и не впасть в горняшку. —8<— How to get to Tibet? The fastest option is to fly with an airplane. The most convenient and spectacular option is to take a train. But this is not just a train. This is *the* train – Qinghai–Tibet railway, the world's highest elevation railway that connects Xining to Lhasa. The length is ~2,000 km, the highest point is at 5072 m. Firstly, this railway offers amazing meditative views. The second reason is purely technical. Tibet is one really high autonomous region: Lhasa is 3600 m above sea level, while much of the rest of the region’s populated centers are above 4000 meters. Accordingly, I took it very steadily so as not to suffer from altitude sickness. In the train the passenger carriages are specially built and have an oxygen supply for each passenger. This is extremely important for a smooth acclimatization. . #china #tibet #китай #тибет #railways #railroads #железнаядорога

A post shared by Eugene Kaspersky ⚕️ (@e_kaspersky) on

 

 

E infine, ma non meno importante, la penisola dello Yucatan in Messico. Piramidi Maya e una dozzina di cenote.

E ora un po’ di cultura

  • Finalmente sono arrivato nella favolosa Firenze. Oh mio Girolamo!
  • Ho visitato la fortezza di Masada, questa volta dall’alto;
  • E una visita al bunker segreto sotterraneo a prova di bomba atomica della Guerra Fredda di Tito;
  • Infine (il mio ultimo luogo di interesse culturale dell’anno, ho finalmente visto l’edificio più famoso del mondo:), ho visitato la Torre di Pisa!

 

Di tutto un po’

  • Ho visto un familiare… peloso! A Friburgo, Svizzera, direttamente dalla Kamchatka!
  • Mi sono avvicinato ai… gorilla ruandesi! Ho anche intravisto una coppia… che faceva l’amore, prima di distogliere lo sguardo rispettosamente;
  • Dopo una lunga campagna di utenti e di Fan-Klubbers, abbiamo finalmente riportato in vita il maialino nei nostri prodotti, che può essere attivato con cheat codes vecchia scuola!
  • A Starmus ho incontrato delle star, tra cui il Presidente armeno, Brian May e Buzz Aldrin!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ahimè, la Ferrari non ha vinto il Gran Premio. Beh, speriamo che quest’anno la situazione cambi.

Torniamo alle buone notizie…

  • Nuovo libro da salotto scritto da moi: Come Hell or High Altai Water in arrivo;
  • Quest’anno abbiamo festeggiato il nostro 22° compleanno, e questo significa: mega festa di compleanno!
  • E parlando di anniversari, quest’anno sono passati 30 anni da quando sono entrato nel mondo degli antivirus (nel 1989 quando Cascade ha infettato il mio computer) quasi per errore!

 

PS: Tutto quanto, è andata più o meno così:

 

I paesi più belli del mondo – un nuovo approccio

È arrivato il momento di qualcosa completamente diverso e non industriale. Si tratta esattamente dell’opposto (bellezze sia naturali che artificiali). Perché? Ecco perché…

Non molto tempo fa, in qualche posto (non ricordo dove) mi sono imbattuto nella frase “il paese più bello del mondo”. Non ci penso spesso, ma il subconscio sembra aver registrato la frase per una nuova visita in futuro. Oh il subconscio!

Un paio di settimane dopo sono stato costretto a ripensarci, ho dato un’occhiata su Internet e ovviamente ho trovato diverse cose come “I primi 10/20 paesi più belli del mondo”. Il fatto è che…molti sembravano dire solo fesserie e sembravano scritte da gente che non è mai stata in America Latina, in Cina centrale, a Kamchatka o alle Isole Curili.

Lo ammetto: è difficile stabilire quali siano i paesi più belli del mondo: la bellezza è soggettiva e questo vuol dire che anche il criterio utilizzato sarà soggettivo. Voglio dire, che criterio dovrei o potrei usare?

Però ho qualche vantaggio al riguardo (con la mia Top 100 dei posti assolutamente da vedere nel mondo. Con questa lista potete (o posso) calcolare il grado di bellezza…ma considerando la grandezza dei territori! Ecco come abbiamo ricavato i paesi “più belli” piuttosto che la “quantità di posti belli in un paese in particolare”.

Continua a leggere:I paesi più belli del mondo – un nuovo approccio

Nuotando per il mondo – Parte 2

Perfetto, continuiamo a nuotare fino alla prossima fermata dell’autobus del nuoto in giro per il mondo – Europa.

 6. Mare Caldo, Santorini.

Santorini è un vulcano-isola o un’isola-vulcano. In realtà si tratta di un insieme di isole che sono i resti della caldera di un grande vulcano di millenni fa, con un nuovo vulcano che cresce in mezzo alle isole, all’interno, e che ogni tanto erutta e diventa ancora più grande. Sono stato a Santorini poco tempo fa e ho scritto davvero tanto al riguardo, qui su questo blog.

world-best-swim_1

Continua a leggere:Nuotando per il mondo – Parte 2

Le attrazioni di Barcellona

Barcellona. È passato un po’ di tempo dalla mia ultima visita, e ancora di più da quando sono stato al Mobile World Congress: era il 2012, ossia quattro anni fa. Mi perdoni chi pensa che sia un peccato, lo penso anch’io. Detto ciò, è piuttosto divertente rileggere i miei vecchi racconti di viaggio.

Ma basta con la nostalgia, torniamo a oggi per continuare la mia storia —>

La manifestazione è molto cambiata negli ultimi quattro anni. Era un evento molto importante, sebbene centrato sui cellulari e con un un’atmosfera locale. Adesso è diventata una mega esposizione globale paragonabile in proporzione al CES di Las Vegas o all’immensa CeBIT di Hannover, o a quello che era. Purtroppo, per una qualche ragione, i suoi partecipanti internazionali se ne sono andati da qualche altra parte. La buona, vecchia e grande CeBIT ha smesso di parlare in tutte le lingue del mondo e adesso è una fiera informatica specificatamente di lingua tedesca, ed è un peccato.

OK, basta pessimismo. È ora di alzare la voce.
L’esposizione di Barcellona adesso è un’altra cosa! Ci sono otto enormi padiglioni, quasi tutti pieni zeppi di stand e folle di visitatori che gironzolano. Sembra molto popolare, nel senso buono del termine.

Ci siamo anche noi qui:

Continua a leggere:Le attrazioni di Barcellona

TOP 100, LA SERIE: RUSSIA

Ciao amici!

Continuiamo il mio viaggio alla scoperta dei 100 luoghi, a mio parere, più belli del mondo e che, senza dubbio, reputo vadano visitati almeno una volta… per non vivere il resto della vita con il rimpianto!

Prossima fermata, il paese più grande del mondo!

La pianura russa non offre niente di stupefacente da vedere in quanto a bellezze naturali. Certo, ci sono posti bellissimi, e ce ne sono molti, ma nessuno rientra nella mia Top 100. A est degli Urali c’è il Bassopiano della Siberia Occidentale, una pianura piuttosto insignificante, stavolta tutta di tundra/taiga/steppa (da nord a sud rispettivamente), paludi, fiumi, laghi, pozzi petroliferi e zanzare. La Top 100 comincia a essere meritata ancora più a est. Ma ci arriverò tra un attimo, per adesso…

  1. La Piazza Rossa e il Cremlino

Molti nei nostri amici stranieri che vengono a trovarci a Mosca ci dicono che la Piazza Rossa, con San Basilio a un’estremità, il Cremlino da un lato e il GUM dall’altro, è il punto più bello d’Europa, soprattutto di notte quando è illuminata. E come contraddirli? Ne sono anch’io un grande estimatore.

Nota: San Pietroburgo era nella classifica delle 100 città più belle del mondo.


Source
Source

info_ru_20
wiki_IT
map_ru_20
gmaps
Photos
google

flickr

Continua a leggere:TOP 100, LA SERIE: RUSSIA